Banner Top
Banner Top

Auto bruciate a San Salvo: “Via Liquirizia è senza telecamere”

Il fuoco distrugge la Lancia Y di una operaia che abita in via Liquirizia. 20 gennaio 2018, la storia si ripete e questa volta il fuoco distrugge due vetture e raggiunge anche il palazzo davanti al quale le due auto sono in sosta. Eppure via Liquerizia, la strada dello stadio e della caserma dei carabinieri non ha telecamere.
Altri obiettivi accesi nelle strade vicine non hanno ripreso l’incendiario in fuga. I carabinieri hanno provato a riannodare i fili della vicenda, partendo da alcune testimonianze più o meno dirette. Gli investigatori stanno verificando se nella zona sia stato acquistato liquido infiammabile. Le indagini, a ogni modo, proseguono nel più stretto riserbo.. Sull’origine dolosa i dubbi sono ben pochi. I cittadini chiedono telecamere nei punti più a rischio del paese.
” Via Liqierizia è stata teatro di diversi fatti di cronaca. La stessa presenza di uno stadio dovrebbe suggerire alle autorità preposte una aggiore vigilanza”, dicono i residenti.
L’Audi auto presa di mira sabato notte è di una coppia pare di origine rumena. Gli investigatori indagano nella sfera privata, ma nessuna ipotesi è esclusa. Incendiare è ormai diventato il modo più veloce e sicuro  per risolvere liti e vendicare torti subiti. Ai cittadini poco importa la natura del gesto, sono comunque preoccupati dal moltiplicarsi di roghi.  Strategie per punire  importate dalla Campania e dalla Calabria. Il vizio di incendiare per vendetta venne importato nel Vastese negli anni 90. Un numero preoccupante di auto sta andando a fuoco da anni.
Paola Calvano (il centro)
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.