Banner Top
Banner Top

Ridisegnata la linea demaniale a San Salvo

“Una situazione che durava da decenni e che penalizzava non solo tutte le famiglie che avevano comprato e costruito in buona fede, del tutto ignare delle linee demaniali, e che pregiudicava anche la Città di San Salvo perché se non fosse intervenuto questo provvedimento avremmo avuto un grave pregiudizio del valore immobiliare della nostra città e per quanti avevano creduto e investito su San Salvo creando economia. Si è risolto un problema secondo giustizia ed equità una situazione che sinora nessuno aveva la volontà e l’interesse a risolvere ridisegnando la linea demaniale secondo i profili degli ingombri degli immobili”.

A dichiararlo nel corso della conferenza il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca alla presenza del sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli e degli amministratori di diversi amministratori condominiali di San Salvo Marina, per illustrare l’emendamento alla legge 4 dicembre 2017, n. 172, che all’articolo 17 quinquies, chiarisce la sorte di oltre mille immobili sul litorale facendo cadere le diffide e la messa in mora del Demanio regionale rispetto ai proprietari che in tutto o in parte avrebbero dovuto pagare canoni pregressi e quelli futuri per migliaia di euro.

Il sindaco ha spiegato come questo “sia il risultato del lungo lavoro portato avanti da questo Comune presso la Direzione generale del Demanio a Roma e di quello regionale, per il tramite del sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli. E’ un risultato insperato per la nostra Città, che ha permesso di risolvere la decennale questione degli immobili i quali insistevano sui terreni demaniali e in quanto tali nella impossibilità dei cittadini di disporne liberamente”.

In pratica è stata seguita, carte alla mano, la procedura che consentì nel 2004 di salvare il destino degli immobili a Campomarino ed avrà efficacia retroattiva per gli oneri richiesti dal Demanio con possibilità dei proprietari di poter avere piena disponibilità. “Non si tratta di una sanatoria – ha ribadito il sindaco Magnacca – ma solo il ripristino una misura di equità e di giustizia perché chi ha acquistato non si è approfittato di nulla, e lo dimostrano tutte le autorizzazioni che hanno ottenuto. Ciò che abbiamo fatto è stato solo in difesa degli interessi dei cittadini e della nostra Città”.

“Oggi è una bella giornata – ha detto il sottosegretario Chiavaroli – perché portiamo a San Salvo la soluzione di un problema annoso che riguarda più di mille abitazioni poste sul lungomare e che ricadevano in area demaniale e che rischiavano di pregiudicare la proprietà di persone che l’avevano acquistato in buona fede”. Ed ha aggiunto: “Abbiamo risolto, grazie a un percorso virtuoso, il problema grazie al lavoro approfondito dei tecnici del Comune di San Salvo e dell’Agenza del Demanio, grazie anche a un grande lavoro dell’Amministrazione, dimostrando che quando c’è buona volontà e capacità di studiare e di approfondire i problemi si rivolvono. E’ l’esempio di come si risolvono in concreto i problemi, perché con la burocrazia ci vuole pazienza e fermezza. Una bella pagina per questa Amministrazione comunale”.

Il presidente del Consiglio comunale, Eugenio Spadano, ha infine evidenziato a conclusione come questa “sia una vicenda che andava avanti da quarant’anni nota non solo agli amministratori locali, ai proprietari e ai parlamentari. In questi anni nessuno aveva affrontato il problema portandolo a soluzione. Dobbiamo riflettere anche su queste cose altrimenti questa soluzione appare scontata. E’ passato del tempo causato angosce e problemi a chi voleva vendere e a chi voleva acquistare. La soluzione è stata data con i termini fissati dalla legge, sancendo ora un principio che il demanio non è più proprietario di questi immobili. Il merito è di questa Amministrazione che è stata capace di farsi carico del problema trovando le persone giuste con le quali colloquiare. I dati sono questi e incontrovertibili”.

Una stoccata finale verso chi “in una vicenda così particolare qualcuno ha tentato dire che fosse una sanatoria ed ha cercato di mettere in dubbio e di vanificare tutto il lavoro fatto. La politica è una cosa seria e non si può improvvisare non conoscendo fino in fondo il funzionamento delle Istituzioni senza sapere cosa si dice o si fa”.

LEGGE 4 dicembre 2017, n. 172

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili.

Art. 17 – quinquies . (Disposizioni in materia di enti locali). — 1. Al comma 2 -bis dell’articolo 6 del decreto legge 29 marzo 2004, n. 80, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 maggio 2004, n. 140, dopo le parole: “Comune di Campomarino (Campobasso)” sono inserite le seguenti: “e del Comune di San Salvo (Chieti)”.

  • _DSC7409
  • _DSC7411
  • _DSC7415
  • _DSC7423

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.