Banner Top
Banner Top

“Ente musicale e teatro, i costi sono esagerati, è ora di vedere i bilanci”

“Compensi a dipendenti comunali che ricoprono già posizioni organizzative, personale che rimane inutilizzato quattro mesi all’anno senza essere ricollocato in altri uffici e costi non più sostenibili per le casse municipali”. Ivo Menna, fondatore della lista civica La Nuova Torre torna a puntare l’indice contro la Scuola Civica Musicale dopo l’intervento della presidente del Cda, Annamaria Di Paolo che aveva difeso l’istituzione culturale  parlando di “sconcertanti polemiche”.

“La Scuola civica musicale  e il Teatro Rossetti sono organismi clientelari che hanno avuto un costo per i cittadini di oltre un milione e duecentomila euro”, replica Menna, “ci sono spese non più sopportabili che la Di Paolo, nella sua qualità di presidente, può contribuire a tagliare. Per esempio: da giugno a ottobre la scuola viene chiusa e le due persone impiegate, la segretaria e la bidella restano inoperose. Non  si potrebbe  trovare una loro collocazione all’interno della organizzazione comunale per questi lunghissimi mesi? Si comincino a tagliare i rami secchi, si riduca a 1000 euro annui il compenso al direttore artistico Raffaele Bellafronte e senza contributi assistenziali; si taglino i 6000 euro percepiti dal segretario già dipendente comunale. La presidente ha precisato che la Scuola civica musicale riceve dalle tasse di iscrizione e dalle rette circa 80 mila euro in un anno, ma non dice quanti soldi il Comune eroga per mantenerla, non dice che ne divora oltre 20 mila tra stipendi e contributi assistenziali, ovvero un quarto degli introiti. E’ moralmente accettabile questo stato di cose? La presidente informi con una dettagliata relazione l’opinione pubblica e renda noto il bilancio reale della scuola civica musicale”, è l’invito rivolto dall’ex portavoce dei Verdi.  

Prima di Menna era stato Davide D’Alessandro a fare le pulci alla scuola civica musicale e alle altre due istituzioni culturali cittadine (Teatro Rossetti e Centro studi rossettiani), proponendo un’unica regia comunale per abbattere totalmente i costi e valorizzare appieno le risorse interne all’ente.                  

Anna Bontempo (Il Centro)

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.