Banner Top
Banner Top

“Riaprite quel bando per disabili”

Perplessità sul requisito della patente B per l’ammissione al concorso per addetto alla registrazione dati “dal quale sembra scaturire un possibile atteggiamento discriminatorio” e dubbi sulle materie d’esame tutte incentrate nel campo giuridico-amministrativo “per cui non appare logico che i medesimi vincitori possano poi essere assegnati a ricoprire profili professionali ed a svolgere mansioni diverse per le quali non sia stato accertato il reale livello di preparazione”.

Il difensore civico regionale, Fabrizio Di Carlo interviene sul bando per disabili indetto dal Comune tre mesi fa e chiede all’amministrazione di far conoscere se nella pianta organica dell’ente e nel regolamento disciplinante il reclutamento dei dipendenti vi sia qualche norma che “attribuisca alla giunta comunale o al dirigente del servizio personale di apportare semplici (e non sostanziali) modifiche o adattamenti in ordine all’applicazione delle disposizioni contenute nei medesimi provvedimenti”.

Torna a far discutere il concorso per disabili muniti di patente di guida che nei mesi scorsi divenne un caso mediatico superando i confini locali e approdando sulle cronache dei principali quotidiani nazionali. Stavolta il difensore civico regionale (che nei giorni scorsi aveva appuntato la sua attenzione sul regolamento per la concessione dei sussidi economici), fa le pulci al concorso riservato alle categorie protette. Era stato chiamato in causa dall’esposto dei consiglieri di minoranza Vincenzo Suriani, Francesco Prospero e Alessandro D’Elisa.

“Dall’avvocato Di Carlo arriva una sonora smentita alle tesi dell’amministrazione comunale”, commenta Suriani, “a riprova del fatto che le giustificazioni posticce hanno rappresentato una pezza peggiore del buco. Ora, di fronte alla richiesta di chiarimenti del difensore civico, si tratta soltanto di scegliere se fare dietrofront e riaprire la selezione per disabili anche ai partecipanti non in possesso di patente di guida, oppure tentare una nuova colossale arrampicata sugli specchi. Spiace constatare”, annota il capogruppo  di Fratelli d’Italia-An, “che, mentre  pochi giorni fa l’assessore Lina Marchesani garantiva in consiglio comunale la volontà di andare avanti nella selezione, le perplessità del difensore civico regionale smentiscano pezzo per pezzo la ricostruzione fatta dalla amministrazione comunale. Speriamo prevalga il buon senso e venga corretto il bando. Sarebbe una vittoria per tutta la città”.

        Anna Bontempo (Il Centro)

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.