Banner Top
Banner Top

Rifiuti, il Civeta vuole 700mila euro da San Salvo

Il Civeta batte cassa  e reclama un credito di 700mila euro, ma il Comune ritiene che la somma “non sia dovuta” in quanto già oggetto di contestazione. E’ polemica  a distanza tra il Consorzio intercomunale che gestisce l’impianto di riciclaggio e compostaggio di Valle Cena a Cupello e l’amministrazione sansalvese.

Il contenzioso è tornato alla ribalta nel corso del recente convegno organizzato dal gruppo consiliare Il Cambiamento per fare chiarezza sul destino dell’ente consortile a 20 anni dalla sua costituzione. Ed in quella occasione era stato proprio il Commissario straordinario Franco Gerardini a ricordare che mentre con altri comuni  era stata seguita con successo la strada della transazione, con il comune di San Salvo, che  ha  un debito nei confronti del  Civeta di 700mila euro, non era stato possibile ancora raggiungere un accordo.

“Si tratta di una somma non dovuta, c’è tutta una documentazione a supporto”, replica la sindaca Tiziana Magnacca, “il debito risale al 2006-2007 quando il servizio di spazzamento era affidato al Civeta. Sono state fatte delle contestazioni già ai tempi dell’amministrazione di centrosinistra guidata da Gabriele Marchese. Quel debito per noi non esiste. In ogni caso siamo l’unico comune che paga a scadenza regolare per il servizio di conferimento dei rifiuti nell’impianto di Cupello”, annota la sindaca.

La minoranza è di tutt’altro avviso. Per il gruppo consiliare del Pd, formato da Gennaro Luciano, Antonio Boschetti e Giovanni Mariotti, sarebbe auspicabile giungere ad una transazione.

“L’amministrazione non ha ancora intrapreso il percorso transattivo più volte auspicato dal Consorzio”, dicono gli esponenti del partito democratico, “cosa avvenuta invece nella vicina Vasto dove, grazie ad un accordo di 290mila euro hanno ottenuto un risparmio per le casse comunali di circa 700mila euro”.

Rispetto all’attuale governance il Pd  ritiene non necessario un cambio di gestione con la nomina di un nuovo consiglio di amministrazione.

“Riteniamo che l’operato del Commissario Franco Gerardini non debba essere messo in discussione”, sostengono i consiglieri democratici, “invitiamo pertanto la sindaca a non auspicare il cambio. Crediamo che sia invece più confacente creare insieme un Polo dell’ambiente e dei rifiuti che gestisca tale Consorzio, inglobando i comuni del territorio del Vastese. Sarebbe la soluzione più opportuna e proficua per il bene della città”.

Anna Bontempo (Il Centro)

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.