Banner Top
Banner Top

In mille all’addio a Danilo, “Gli intitoleremo una via”

Più di mille persone, un paese stracolmo come gli eventi che amava organizzare. Ha richiamato ancora una volta attorno a se tantissime persone  Danilo Cavaliere, il consigliere comunale di Palombaro morto a soli 29 anni. Nessuno è voluto mancare all’addio al giovane amministratore, animatore della vita culturale del suo paese e sempre al servizio della comunità. Ci sono il sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli, il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, l’assessore Donato Di Matteo. Una trendina di sindaci del Sangro-Aventino ma anche da tutto il Frentano, il comico Emiliano Petruzzi. I musicisti Michele Di Toro e Angela Giancristofaro, protagonisti di Eremo sotto le stelle, l’ultima manifestazione organizzata da danilo pochi giorni prima di morire, gli tributano un omaggio suonando in chiesa. I ragazzi dell’Asd Valle Aventino, la scuola di calcio intercomunale, si siedono attorno al feretro in divisa da calcio.

La parrocchia dell’Assunta gremita di gente, mentre fuori più del doppio segue la messa sul maxischermo. Ad officiarla tre sacerdoti, il parroco don Domenico Campitelli, il predecessore don Antonio Graziosi e il vicario di zonale don Emiliano Straccini, che hanno parole di conforto per il papà Nicola, la mamma Maria, la sorella Monia e la fidanzata Ilenia.

In paese negozi con le saracinesche abbassate e bandiere a mezz’asta sul Palazzo comunale per il lutto cittadino proclamato dal sindaco Consuelo Di Martino. Sulla bara bianca la maglietta che Danilo indossava quando giocava nella squadra di calcio del Palombaro, dentro la bandiera con lo stemma del Comune.

“La nostra amministrazione è come una grande famiglia”, interviene in chiesa il primo cittadino, “e Danilo è cresciuto in questa famiglia, lo abbiamo visto diventare l’uomo brillante che era, generoso, dall’entusiasmo contagioso. La promessa che ti facciamo Danilo, è di portare avanti tutti i progetti ai quali ti sei impegnato. E in ogni momento ci chiederemo cosa avresti fatto tu, come se tu fossi come sempre a lavoro nella stanza accanto”.

In chiesa prendono la parola gli amici del cuore Loris e Gaspare, un rappresentante dell’associazione Voci dalla miniera e Fabio Travaglini, di cui Cavaliere era amico e stretto collaboratore. L’intenzione dell’amministrazione di palombaro è quella di un ricordo perenne del giovane consigliere.

“Gli intitoleremo subito la sala consiliare e poi anche una strada del paese per nominarlo sempre“, conclude il sindaco Di Martino. Fuori palloncini bianchi con le sue foto e le note struggenti di “Mentre dormi”, di Max gazzè salutano per sempre Danilo.

Stefania Sorge (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.