Banner Top
Banner Top

“L’Abruzzo nel cuore”, l’intervista a Gino Paoli

“Mi piace l’Abruzzo e soprattutto mi piace la sua  gente per il legame che ha con il territorio. Gli abruzzesi hanno un forte senso di appartenenza, e lo dico apprezzando molto questa qualità. Sono persone che non gettano la spugna che si distinguono all’attaccamento alla loro terra in maniera assai particolare. Anche per qeusto ho voluto assolutamente dare il mio contributo per la marotna jazz organizzata due anni fa a L’Aquila, nei luoghi e per le vie del centro storico duramente colpite dal sisma”.

Inizia con questo omaggio alla forza e alla tenacia degli abruzzesi, l’intervista a Gino Paoli. Il cantautore nato a Monfalcone, genovese di adozione, si è raccontato al quotidiano Il Centro parlando della sua musica ed anche del concerto in programma giovedì 17 a Palazzo d’Avalos a Vasto (ore 21,30).

Paoli, 83 anni da compiere il 3 settembre, con la sua voce ed il suo carisma che lo hanno reso uno dei più grandi autori e interpreti della nostra canzone, sarà sul palco con uno dei pianisti italiani più creativi riconosciuti a livello internazionale, Danilo Rea. Lo spettacolo si intitola “Due ome noi che…”, si inserisce nella rassegna “Musiche in cortile” della Muzak eventi di vasto ed anche nella città adriatica ha fatto registrare il tuto esaurito.

Paoli, da decenni calca i palcoscenici di tutto il mondo. Come è cambiato il pubblico? Quali amozioni cercano i ragazzi di ieri e quelli di oggi?

“Parlo ovviamente a livello personale, ma il pubblico è sempre lo stesso, non lo scegli. Reagisce sempre più o meno alla stessa maniera, vuole ascoltare. E’ una sorta di interlocutore ogni volta diverso, ogni volta uguale. Io parlo a tutti quelli che vogliono ascoltare. Non si sceglie la platea per quello che vuole. Anche se in tanti ci provano o lo fanno, decidendo di rivogersi solo a un certo tipo di pubblico, come il target giovane ad esempio. Il pubblico non cambia, almeno per quello che mi riguarda”.

Nella sua carriera, qual è l’aneddoto, la persona o il momento che non dimenticherà mai?

“Difficile dirlo così su due piedi. Ma se proprio devo pensare ad un momento che non posso dimenticare, mi viene in mente un incontro insolito, avvenuto via lettera. Avevo da poco scritto “Senza fine”. Siamo del 1962. Mi arriva una lettera dagli StatiUniti in cui una persona mi diceva che le sarebbe piaciuto scrivere una canzone come quella. Apprezzo il complimento, ma senza scompormi più di tanto, almeno fiché non arrivo a decifrare la firma: era Hoagy Carmichael, un mito che ha scritto capolavori come “Stardust” e “Georgia on my mind”. per poco non sono svenuto”.

Ci sono canzoni che hanno fatto la storia della nostra musica. Tra i suoi tanti successi, non possiamo non citare “Sapore di sale” che dagli anni Sessatnat continua ancora ad essere cantata. Ci sono invece canzoni che durano una stagione appena. Qual è il segreto di un brano di successo?

“E’ assolutamente impossibile dare una risposta a questa domanda. Nessuno sa perché una canzone ha successo. E’ una sorta di magia che succede perché improvvisamente alcune parole su una certa musica ti entrano in testa e non c’è niente da fare. Non c’entra niente se la canzone è bella o brutta. Ad esempio “Marina”, una canzone scritta da un minatore italiano che viveva in Belgio, Rocco Granata, persona simpatica che tra l’altro ho avuto occasione di conoscere, ha fattoil giro del mondo, ma apparentemente non aveva nessuna ragione di farlo. E’ qualcosa che succede perché deve succedere. Chi ti dice che una canzone può avere successo non va ascoltato”.

Veniamo ora alla serata del 17 a Vasto con Danilo Rea. Come è nato questo progetto che unisce classici della storia della musica italiana e internazionale, con una scaletta che spazia dalle canzoni che lei ama di più all’omaggio alla musica napoletana e a quella francese?

“Io non ho mai fatto un progetto in tutta la mia vita. Le cose capitano e basta. Ed è stato anche con Danilo. E’ capitato di trovarmi bene sul palco insieme a lui, ci divertivamo molto e ci capivamo al volo. Una di quelle intese rare, sia dal punto di vista umano che professionale. Per questo dice spesso che siamo diventati una coppia di fatto. E continuiamo a fare concerti in lungo e in largo per l’Italia ormai da qualche anno. E ogni volta è tutto diverso. ci lasciamo guidare dalle emozioni e dalla musica. e ci divertiamo come la prima sera”.

Simona Andreassi (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.