Banner Top
Banner Top

Inchiesta Coniv, assoluzione piena per Elio Scurti

Arresti eccellenti, dieci udienze, una ventina tra testi e consulenti, migliaia di intercettazioni telefoniche e ora la parola fine. E’ sceso il sipario sul caso “fanghi Coniv”, una inchiesta che nel dicembre 2006, coinvolse il direttore tecnico della società, Elio Scurti e diversi dirigenti della regione Molise per traffico illecito di rifiuti. “La sentenza di assoluzione, perché il fatto non sussiste, è passata in giudicato non avendo la Procura di Larino interposto appello”, spiega l’avvocato Fabio Giangiacomo che insieme al collega Franco Giampietro ha difeso Scurti, “il processo penale ha chiarito che sia nella produzione dei fanghi da depurazione dei reflui urbani destinati all’agricoltura, sia in quella autorizzatoria  Scurti si è sempre mosso nel solco delle leggi di settore non procurando nessun danno o pericolo all’ambiente e, anzi, promuovendo soluzioni  sempre appropriate e  improntate alla massima cautela, in un campo che richiede una professionalità di altissimo livello. A tal riguardo”, aggiunge il legale vastese, “particolarmente significativo è il fatto che Legambiente, costituitasi  parte civile per un  fatto che aveva  sollevato molto scalpore  in Molise, alla  fine del dibattimento, ha rinunciato alle conclusioni ritenendo nei fatti non acclarato alcun danno o pericolo per l’ambiente”.

Insomma, il direttore tecnico esce a testa alta da una vicenda che lo ha profondamente scosso.

Anna Bontempo (Il Centro)     

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.