Banner Top
Banner Top

“Noi che non scaldiamo l’aula”

Fanno pochissime assenze, presentano proposte di legge, formulano emendamenti, mozioni  ed interpellanze e, in alcuni casi, votano in maniera diversa dal proprio gruppo parlamentare. Non si può proprio dire che stanno in Parlamento a “scaldare la poltrona” i due rappresentanti del territorio, la deputata del Pd, Maria Amato e il senatore del Movimento 5 stelle, Gianluca Castaldi. In carica dal 15 marzo 2013,  i due parlamentari abruzzesi in questi 3 anni e 284 giorni di mandato hanno rispettato il patto con gli elettori. E non è poca cosa in un periodo in cui i politici sono quotidianamente messi sulla graticola, non solo per i lauti stipendi percepiti e per i vitalizi che non si vogliono tagliare, ma anche per le presenze in aula e la produttività. A fotografare il lavoro svolto dalla deputata democratica e dal senatore pentastellato è “OpenParlamento”, il blog di Open Polis che monitora l’attività dei parlamentari, riportando il numero delle presenze, delle assenze (intese come non partecipazione al voto), gli argomenti di cui si occupano i nostri rappresentanti a Roma e stilando periodicamente una sorta di classifica. I dati diffusi vedono la Amato ai vertici della lista dei deputati abruzzesi con il 95,05% delle presenze, seconda solo a Gianni Melilla  di Si-Sel (99,29%).

In tre anni sono mancata solo due giorni”, afferma la deputata, “ho incentrato il mio lavoro di parlamentare sul diritto alla salute di alcune categorie a mio avviso non sufficientemente tutelate. Sono riuscita a far inserire nei Lea (livelli essenziali di assistenza, ndc), insieme ai colleghi del M5S, gli screening metabolici neonatali e i test genetici per il cancro della mammella. Tra i grandi argomenti affrontati mi piace ricordare la Cannabis terapeutica e l’impegno per il gioco patologico”.  

Maria Amato è componente della XII Commissione Affari Sociali presieduta da Mario Marazziti e della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito. Meno presente nell’aula di Palazzo Madama, ma non meno produttivo è Castaldi. Il senatore grillino ha totalizzato, secondo OpenParlamento, il 72,17% delle presenze. “E’ un sistema che ha un vulnus: non registra la presenza di chi è in aula ma non vota, senza fare alcuna distinzione tra un’assenza ingiustificata oppure un’assenza per motivi di salute”, spiega il senatore vastese, “ed è quello che è successo nel mio caso visto che in questi anni sono stato assente un solo giorno. Sono sempre qui a Roma a portare avanti la mia attività di parlamentare che si è identificata maggiormente nella lotta alla petrolizzazione dell’Adriatico”. Castaldi è componente di due  Commissioni: industria, commercio e turismo e quella per la semplificazione. Ha apposto la sua firma su 88 disegni di legge.

Anna Bontempo  (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.