Banner Top
Banner Top

Il nuovo dirigente scelto tra sedici candidati

L’amministrazione comunale accelera sul nuovo dirigente e nomina una Commissione interna. E’ formato da Vincenzo Marcello (presidente), Rosa Piazza (segretaria generale), Michele D’Annunzio (dirigente) e Elda Majo (segretario verbalizzante), l’organismo che deve valutare l’idoneità delle candidature per l’assunzione  a tempo determinato del dirigente del IV settore dell’area tecnica “Lavori pubblici-Urbanistica”.

Sono sedici le domande pervenute in Comune alla scadenza del termine fissato nell’avviso.  Determinante per la scelta del nuovo dirigente è l’esame del curriculum presentato dai candidati ai quali verrà attribuito un punteggio  in base ad una serie di criteri, tra cui il possesso di un profilo giuridico amministrativo, le esperienze maturate nelle materie dell’area tecnica (lavori pubblici, urbanistica, servizi manutentivi, ambiente), aver prestato servizio negli enti (Regione, Provincia, Comune) e aver maturato esperienze nell’ambito della materia inerente la gestione del personale.

Tra i nomi che girano con insistenza nei corridoi del Municipio c’è quello dell’avvocato Stefano Monteferrante, attualmente in forza all’ufficio legale dell’ente, rimasto con due soli avvocati dopo la reintegra nelle funzioni dirigenziali di Alfonso Mercogliano. Se la scelta dovesse ricadere su Monteferrante l’avvocatura comunale resterebbe con un unico legale, Nicolino Zaccaria. L’incarico dirigenziale avrà  la durata di due anni, prorogabili, ma in ogni caso non superiore al mandato del sindaco Francesco Menna.

Insomma, quanto prima in Comune ci sarà un nuovo dirigente che andrà ad affiancarsi ai due rimasti in servizio – cioè Marcello e D’Annunzio – dopo il pensionamento delle altre figure apicali.

In programma anche nuove assunzioni, tra cui quelle di undici agenti di polizia municipale con la riserva del 40% a favore di quei vigili urbani  che sono stati titolari di un rapporto di lavoro a tempo determinato e che alla data del bando abbiano maturato almeno 36 mesi di servizio. A queste figure professionali andrebbe data la massima priorità se si considera che il Comando di piazza Rossetti è rimasto – dopo la mancata proroga ai 13 stagionali – con soli 22 addetti, decisamente pochi per una città di 42mila abitanti.

Anna Bontempo   (Il Centro)

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.