Banner Top
Banner Top

Rifiuti, sconti per chi ha orto o giardino

Abiti in periferia e hai a disposizione un giardino o un orto di almeno 200 metri quadri? Puoi ridurre il conferimento dei rifiuti organici provenienti dagli scarti di cucina o dalle attività di giardinaggio, ottenendo in casa, a costo zero, un prodotto per concimare il terreno, oltre  alla riduzione della Tari. Si chiama “compostaggio domestico” la pratica che l’amministrazione comunale vuole incoraggiare ed incentivare consegnando gratuitamente a casa dei cittadini interessati un contenitore, detto compostiera, con una capacità di 300 litri, dotato di aeratore,  fornito di manuale d’uso e di 0,5 Kg di materiale attivatore.

Per disciplinare il tutto la giunta comunale ha varato un regolamento composto da dieci articoli che riguardano le modalità di realizzazione del compostaggio domestico, i soggetti interessati, i materiali compostabili, le modalità di attivazione e le verifiche. Le norme si applicano esclusivamente ai cittadini residenti in otto zone della città: Defenza, Macchione,  Fonte Fico, San Pietro Linari, Cervara, Mandre San Rocco, Pagliarelli e via Statale 16 nord.

Chi aderisce all’iniziativa  si impegna a ridurre il conferimento nel circuito di raccolta “porta a porta” dei rifiuti organici provenienti dalla cucina o dalle attività di giardinaggio. Tali scarti devono provenire esclusivamente dal normale uso familiare e non da attività produttive, agricole, artigianali o commerciali per le quali vige un’altra normativa. Oltre ad usufruire della compostiera, chi intende fare compostaggio domestico, potrà avere una serie di vantaggi: ottenere in casa, a costo zero, un prodotto di altissimo valore fertilizzante, in grado di rendere autosufficiente il terreno dal punto di vista nutritivo e arricchirlo in maniera del tutto naturale, oltre ad agevolazioni fiscali attraverso  la  riduzione della Tari, la tassa sui rifiuti.

Nel regolamento vengono elencati tutti i materiali che possono essere trattati: sfalci d’erba, tovaglioli o fazzoletti di carta, residui di pulizia delle verdure, bucce, pelli di pollo  o di pesce, fondi di caffè e filtri di the, pane raffermo (ridotto in pezzi), scarti dell’orto, segatura e trucioli non trattati.   Sono previste anche delle verifiche a domicilio.

L’amministrazione si avvale inoltre delle segnalazioni degli operatori della Pulchra (la società che gestisce il servizio di igiene urbana), incaricati del ritiro “porta a porta”, i quali controlleranno se gli utenti dotati di compostiera conferiranno sfalci verdi e scarti vegetali nel circuito di raccolta.

                  Anna Bontempo (Il Centro)

 

 

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.