Banner Top
Banner Top

“Svegliatevi o fate un passo indietro”

Il voto popolare  referendario conferma quello che nella nostra città, dal 21 giugno scorso, temevano tutti i cittadini vastesi: la “svolta generazionale” propinata dal PD locale, era solo una bufala di dimensioni colossali, abilmente nascosta dietro le faccine sorridenti di una maggioranza inconcludente, pasticciona e – tra l’altro- inutilmente esibizionista.

La verità è quella che è.

In città si procede, infatti, in una deprecabile continuazione amministrativa, che non ha ne capo e ne coda e che vede le ragioni della nostra Vasto affidate ai rappresentanti eletti di una compagine  che non rappresenta la maggioranza degli elettori, ma solo poco più di un quinto di essi.

Sta di fatto che nulla è cambiato rispetto alle abitudini dell’ultimo disastrodo decennio firmato Lapenna, con la sola innovativa stupefacente aggravante, della reiterata assenza dei “giovani” amministratori laddove  si difendono le ragioni del nostro territorio.

Lo abbiamo toccato con mano in materia di sanità, con il continuo spoglio del nostro ospedale e degli altri servizi ospedalieri.

Lo abbiamo ulteriormente  verificato in materia di gestione della Sasi (acqua), del Civeta (rifiuti), del Consorzio di Bonifica (bonifica agraria), del Cotir (tecniche irrigue) dove siamo sempre depredati.

Lo stiamo vedendo con la gestione del Consorzio Industriale (servizi alle imprese), che vedrà presto  azzerare gli uffici di Vasto o della Viabilità sovratterritoriale, con la recepita la proposta di una sconclusionata, costosa,impattante ed inutile  Variante alla SS16.

Il Sindaco e la Amministrazione sono sempre assenti, silenziosi, vuoti ed inefficaci nelle proposte amministrative, in contrasto con i sindaci del Comprensorio vastese,  in perenne attesa dei suggerimenti dei “padrini-padroni”, che governano a loro piacimento il nostro futuro.

Anche quando si deve parlare di sicurezza del cittadino  e di ordine pubblico in Prefettura, colpevolmente  non partecipiamo.

Sempre latitanti, silenti, acquiescenti, sottomessi alla volontà di altri. Oramai tutti  sanno che stiamo proni o genuflessi.

I vastesi lo hanno confermato con una valanga di NO, NO, NO, NO a questo  PD  – oligarchico e lontano dal popolo -, a questo governo pinocchio ed in mano alla finanza ed alle banche e a questa amministrazione comunale festaiola e inconcludente.

Svegliatevi dunque e presto, o retrocedete.

Edmondo Laudazi

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.