Banner Top
Banner Top

Porta Santa, la celebrazione a Vasto

 

Si è chiusa ieri sera, dinanzi ad un’immensa e composta folla, la Porta Santa della Concattedrale di San Giuseppe a Vasto. A presiedere la solenne cerimonia è stato don Gianfranco Travaglini dinanzi ai numerosi fedeli e alle molte autorità civili e militari. Presenti il sindaco Francesco Menna, vari rappresentanti delle Istituzioni del comprensorio vastese, il Presidente del Consiglio Giuseppe Forte, assessori e consiglieri comunali ed i rappresentanti delle confraternite e delle associazioni, per questo importante momento per tutta la comunità cattolica.

Un maxischermo, istallato in piazza Pudente, ha permesso ai tanti presenti di assistere alla solenne cerimonia anche al di fuori della cattedrale, gremita al suo interno di numerosi fedeli. Un Giubileo Straordinario caratterizzato dal coinvolgimento delle Chiese locali e che ha visto, nel giorno della chiusura, un particolare momento plenario di comunione di fede e di intercessione per una vita rinnovata dell’intera comunità.

Toccanti e cariche di significato le parole di don Gianfranco che ha ripercorso l’importanza ed il valore di questo Anno Santo indetto da papa Francesco, ricordando e spiegando quanto sottolineò lo stesso papa Francesco all’indizione del Giubileo della Misericordia soffermandosi con attenzione sulle tre parabole della Misericordia: la pecora smarrita, la moneta persa e ritrovata, il padre misericordioso (o il figliol prodigo). Tre parabole che hanno in comune la sollecitudine per qualcuno o qualcosa che si è perso, la gioia del ritrovamento ed i ritratti: un pastore, una donna, un padre. “In queste parabole –come sottolineò papa Francesco e come ha ripercorso ieri don Gianfranco- Dio viene sempre presentato come colmo di gioia, soprattutto quando perdona. In esse troviamo il nucleo del Vangelo e della nostra fede, perché la misericordia è presentata come la forza che tutto vince, che riempie il cuore di amore e che consola con il perdono. Il perdono è lo strumento posto nelle nostre fragili mani per raggiungere la serenità del cuore. Lasciar cadere il rancore, la rabbia, la violenza e la vendetta sono condizioni necessarie per vivere felici”.

Perseveranza. Questa poi la parola più volte ripetuta da don Gianfranco. “Con la perseveranza salverete la vostra vita. L’impegno costante ad affrontare la propria storia alla luce della Misericordia. Il nostro compito –ha sottolineato infine- è la salvaguardia della casa comune, il Creato. Dobbiamo rispettare ciò che ci circonda”.

Il Giubileo è uno tra i momenti più significativi della vita della Chiesa, che, come ha ricordato don Gianfranco, di norma si celebra ogni 25 anni a ricordo del Giubileo che l’antico Israele celebrava ogni 50 anni. Il popolo d’Israele celebrava un anno d’amore e di fratellanza dove gli schiavi venivano liberati e tutti i debiti venivano annullati, dove la terra riposava, le terre confiscate venivano restituire. Una cerimonia dunque conclusiva quella svoltasi ieri sera a chiusura di questo anno giubilare iniziato a Vasto il 1° gennaio quando ad aprire la Porta Santa fu Mons. Bruno Forte. A Roma, è bene ricordare, che la Porta Santa fu aperta da papa Francesco l’8 dicembre data del 50esimo della fine del Concilio Vaticano II. Come affermò il papa per l’occasione “Oggi varcando la porta santa vogliamo anche ricordare un’altra porta che, cinquant’anni fa, i padri del Concilio Vaticano II spalancarono verso il mondo”. Per Bergoglio “il Concilio è stato un incontro. Un vero incontro tra la Chiesa e gli uomini del nostro tempo. Un incontro segnato dalla forza dello Spirito che spingeva la sua Chiesa a uscire dalle secche che per molti anni l’avevano rinchiusa in sé stessa, per riprendere con entusiasmo il cammino missionario. Era la ripresa di un percorso per andare incontro a ogni uomo là dove vive: nella sua città, nella sua casa, nel luogo di lavoro. Dovunque c’è una persona, là la Chiesa è chiamata a raggiungerla per portare la gioia del Vangelo”. 

Laura Rongoni

  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa
  • Chiusura Porta Santa

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.