Banner Top
Banner Top

Il 4 novembre a Vasto, la cerimonia di oggi

 

Si sono svolte stamane, alla presenza di centinaia di persone, le celebrazioni del 4 novembre, la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate con la consueta cerimonia commemorativa per ricordare le vittime del primo conflitto mondiale e per rendere omaggio alle Forze Armate.

Alla presenza del Sindaco Francesco Menna, del Presidente del Consiglio Giuseppe Forte, degli assessori Marcello, Marchesani, Bosco, di numerosi amministratori comunali, dei sindaci di San Salvo e Cupello, Tiziana Magnacca e Manuele Marcovecchio, della dirigente scolastica Di Carlo, dei rappresentanti delle Forze Armate, della associazioni combattentistiche, ed alcune scolaresche,  una folta folla si è ritrovata in c.so Italia per il consueto raduno. Un composto corteo ha raggiunto la cattedrale di San Giuseppe per la celebrazione della Santa Messa. Al termine del rito, il corteo si è mosso verso p.zza Caprioli per la deposizione della Corona d’alloro al Monumento ai Caduti ed poi verso via Adriatica per rendere omaggio al Cippo del Marinaio.

Il Maggiore Giancarlo Vitiello, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Vasto, ha dato lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Ricorre oggi una data ricca di significato, suggello dell’Unità Nazionale raggiunta, ed espressione della riconoscenza del Paese per il contributo alla sicurezza della comunità nazionale e internazionale offerto dalle Forze Armate. […] Un particolare pensiero vada a tutti i militari impegnati in missioni in Patria e all’estero, dai Balcani all’Afghanistan, dal Corno d’Africa alla Libia e al Mali, dal Mar Rosso al Mediterraneo, dal Kuwait all’Iraq, dal Libano alla Palestina”.

Ha quindi preso la parola il Contrammiraglio Piero Di Terlizi il quale ha ricordato le gesta eroiche compiute dai marinai italiani nel corso del primo conflitto mondiale.

Il discorso commemorativo della cerimonia è stato tenuto dal Sindaco di Vasto Francesco Menna il quale, rivolgendosi alle tante scolaresche presenti, ha detto: “Non  dovete  mai  dimenticare che  tutto  questo  è  una  conquista  frutto  della generosità  di tanti  italiani  di  ieri  che  hanno  consegnato  al  futuro  dei  loro  figli,  al nostro futuro, ciò che avevano di più caro: la loro stessa vita. L’Unione Europea, il sogno di grandi figli di diverse nazioni un tempo divise e contrapposte,  (mi   piace   ricordare,   tra questi,   il   nostro   connazionale   Altiero Spinelli),  è  ora  una  realtà  da  custodire  gelosamente,  che,  insieme,  dobbiamo  far progredire e consegnare migliore a chi verrà dopo di noi.”

Un omaggio, una celebrazione, quella svoltasi stamane, volta a ringraziare le Forze Armate per il costante e quotidiano sacrificio volto a difendere valorosamente la nostra Patria. Onorare la festa del 4 novembre significa esprimere la nostra gratitudine a tutti coloro che hanno pagato con la vita per quei diritti di libertà e democrazia di cui noi, oggi, godiamo. Significa ascoltare il simbolico richiamo ad un passato che non dobbiamo dimenticare, traendo, dal ricordo, un insegnamento profondo ed importante. Questa ricorrenza segna una svolta importante per il nostro paese. Riconoscere il sacrificio di quegli uomini che valorosamente hanno difeso la nostra Patria con impegno, coraggio e professionalità per la difesa dei cittadini e per rendere il nostro Paese, un Paese unito e migliore, devono rimanere ben impressi nella memoria di tutti.

  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
  • 4 novembre
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.