Banner Top
Banner Top

Torna h24 il Pronto Soccorso di Gissi

Saranno nuovamente 24 le ore di apertura del presidio ospedaliero di Gissi. A stabilirlo il Tar di Pescara che ha concesso la sospensiva della delibera dell’agosto 2016 con la quale, dal 1° settembre scorso,  le ore di operatività del presidio, erano ridotte a 12 (dalle 20,00 alle 8,00). Un’altra battaglia vinta dunque, quella del Comune di Gissi nel suo nuovo ricorso al Tribunale amministrativo per ciò che concerne il piano riorganizzativo della Asl Lanciano-Vasto-Chieti.

Già nel gennaio scorso medesima vicenda accadde quando, sempre il Tar, si pronunciò dopo che il sindaco di Gissi Agostino Chieffo aveva presentato, tramite l’avv. Cristiano Bertoncini, il ricorso in merito alla delibera del luglio 2015 del Direttore della Asl di riferimento in cui era stata determinata l’operatività a 12 ore.

“Il numero di prestazioni annuali non sono sufficienti a giustificare l’apertura h24 del pronto soccorso”. Con questa motivazione la Asl procedette poi nuovamente al taglio di orario del presidio ospedaliero ignorando dunque la sospensiva del Tar. Motivazione questa però non accettata dal Sindaco Chieffo che, sempre per mano dell’avv. Bertoncini, presentò un nuovo ricorso al Tar.

E nella giornata del 7 ottobre scorso la pronuncia del suddetto organo, il Tar, che ha concesso la sospensiva del provvedimento dell’azienda sanitaria motivando tale concessione in virtù del fatto che  “la definizione di tale trasformazione organizzativa dovrà tener conto delle effettive esigenze della popolazione, assicurando un presidio adeguato al fine di garantire un servizio pieno e non discriminatorio, che miri in primo luogo alla tutela del bene primario della salute della persona umana; primario in sé, come dato qualitativo e non quantitativo – quindi insensibile a proiezioni statistiche funzionali al rischio sostenibile e non al principio di precauzione desumibile dalla normativa nazionale e sovranazionale – e che quindi prescinde da mere esigenze di bilancio; tenuto conto in particolare, nel caso di specie, della rilevante distanza della più vicina struttura di pronto soccorso e quindi garantendo un adeguato numero di mezzi e personale al presidio del 118 in loco”.

Il 27 gennaio prossimo si terrà la prossima udienza pubblica.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.