Banner Top
Banner Top

L’ex Valsinello reintegra 40 lavoratori

 

I primi inserimenti di manodopera ci sono già stati, per l’assunzione degli altri lavoratori sono in corso i colloqui. Sono in tutto quaranta gli addetti della ex Valsinello-Teknolamiere che verranno reintegrati grazie al contratto d’affitto con la formula “rent to  buy”, cioè la possibilità di affittare subito ed acquistare successivamente (in genere dopo i primi tre anni), l’intero compendio aziendale scomputando il costo dell’affitto pagato al momento dell’opzione.

A fornire rassicurazioni sul rispetto degli accordi è la curatela fallimentare rappresentata da Antonio Cuculo, il professionista incaricato dal tribunale di Vasto.

Già dallo scorso mese di aprile, in cui è avvenuta l’anticipata immissione in possesso dell’Halmax group srl, la curatela riscuote dalla neo conduttrice i fitti attivi”, precisa Cuculo, “fra tre, al   massimo sei  anni,  l’Halmax  potrà acquistare l’intero plesso industriale (capannoni, terreni e macchinari), pagando la somma pattuita contrattualmente”.

La Halmax group è una società di Teramo che fa capo all’imprenditore Massimiliano Carpineta. E’ presente sul mercato già dal 1996 con notevoli prospettive  di crescita nei mercati esteri. Inoltre  già dal 2014  – fanno sapere dal Tribunale di Vasto – ha iniziato rapporti di collaborazione e di ricerca con il Dipartimento di Ingegneria e Geologia dell’Università di Pescara  e con il Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona, al fine di creare una  sinergia tra il mondo accademico e della ricerca e chi opera materialmente  nei settori specifici approfondendo  gli studi su tematiche come l’acustica, la termo-fluidodinamica, la trasmissione del calore e le problematiche strutturali, anche al fine di promuovere l’attivazione di dottorati di ricerca e di borse di studio.

Tornare ai livelli occupazionali raggiunti dalla Valsinello- Teknolamiere prima del fallimento non sarà possibile,  essendo stato proprio questo eccessivo  sovradimensionamento una delle  cause  del fallimento della società”, rimarca la curatela, “questo primo,  ma non trascurabile risultato è il frutto di più forze che hanno lavorato nella stessa direzione”. 

Anna Bontempo  (Il Centro)

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.