Banner Top
Banner Top

“Il Centro” si muove

Il quotidiano Il Centro comincia a entrare con passi concreti nel nuovo corso dopo la cessione da parte del gruppo l’Espresso a una cordata di imprenditori locali.

Ieri è stato siglato un accordo sindacale con le rappresentanze sindacali nazionali e locali di Cgil, Cisl e Uil in riferimento al corpo non giornalistico, una trentina di dipendenti tra cui poligrafici e amministrativi.

Secondo il manager aquilano che ha assunto il ruolo di presidente operativo della società Il Centro Spa, Alberto Leonardis, “abbiamo condiviso il percorso di relazioni sindacali con la nuova azienda e deciso di condividere anche il percorso strategico da attuarsi nei prossimi mesi, e questo dopo il passaggio di consegne”.

“Sono state poste le basi per una stretta collaborazione, sono soddisfatto della disponibilità e dell’approccio propositivo che è stato dimostrato dai sindacati”, ha aggiunto.

Il giornale è stato venduto per circa 6 milioni di euro al gruppo di imprenditori composto dal re delle cliniche private, Luigi Pierangeli, che è anche patron di Rete 8, dal costruttore aquilano Luigi Palmerini, dal distributore del Centro Cristiano Artoni e dal manager aquilano Alberto Leonardis.

Una cessione avvenuta non per necessità, ma per abbassare il totale complessivo a livello nazionale delle copie vendute dalle testate del gruppo dopo la fusione con la Stampa, che portava a sforare il tetto massimo di legge.

Abruzzoweb

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.