Banner Top
Banner Top

Ex asilo Della Penna, cosa fare?

Francesco ProsperoUn edificio abbandonato al degrado e all’incuria, che finisce spesso nel mirino dei vandali. E’ l’ex asilo Carlo Della Penna, donato negli anni ’50 dall’omonimo magnate Don Carlo con il vincolo della destinazione d’uso (scuola per l’infanzia). A sollecitare “indispensabili ed urgenti interventi di messa in sicurezza, riqualificazione e ristrutturazione dell’ex asilo al fine di restituirlo all’uso pubblico e per i fini indicati nell’atto di donazione di don Carlo Della Penna”, è il consigliere di minoranza Francesco Prospero. L’esponente della lista civica Progetto per Vasto è il firmatario di una interrogazione al sindaco Francesco Menna con cui chiede di conoscere “le reali intenzioni dell’amministrazione comunali sul futuro della struttura e circa la sua destinazione”. L’edificio, che negli anni ’90 è stato sede del corso universitario per traduttori ed interpreti, è nel totale abbandono nonostante le promesse di recupero della precedente giunta.

Sull’argomento, loro malgrado, i cittadini devono registrare l’assenza di interesse anche da parte dell’attuale amministrazione che, a quanto consta, non ha programmato alcun tipo di intervento o proposta per il recupero della struttura”, attacca Prospero, “di contro sono apprezzabili alcuni suggerimenti, da parte dei cittadini, come quelli di chi vorrebbe dar vita a una Fondazione intitolata a Carlo Della Penna, che mantenga la natura pubblica della struttura e la finalità voluta di supporto alla formazione delle nuove generazioni. Nel contempo si ritiene necessario rassicurare quanti temono che sia volontà dell’amministrazione di procedere al recupero e riutilizzo della struttura o, addirittura, della cessione attraverso un accordo con privati”.

Prospero ricorda le affermazioni del sindaco Menna “durante la campagna elettorale e nella seduta del consiglio comunale del 1 agosto 2016, circa l’importanza e l’intenzione di recuperare e rendere funzionale la struttura valutando possibile, sulla scorta di quanto fino ad ora rappresentato, l’esistenza di propositi di carattere politico-amministrativo e la volontà dell’amministrazione comunale di attuare un accordo con privati per il recupero ed il riutilizzo della struttura o per la cessione ad essi del bene”. 

Anna Bontempo  (Il Centro)

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.