Banner Top
Banner Top

Eugenio, la comunità sansalvese si stringe in preghiera

C’è incredulità in quanti lo conoscono per ciò che è accaduto ad Eugenio Di Petta, il 46enne sansalvese, sposato, con tre figli, osteopata, fisioterapista presso la Fondazione Padre Alberto Mileno di Vasto Marina, capo scout nonché uno dei fondatori del gruppo stesso vent’anni fa a San Salvo.

Un’ischemia cerebrale lo ha colpito ed inutili i tempestivi soccorsi dei sanitari del 118. Eugenio ha perso subito conoscenza e non si è più risvegliato. Ora lotta tra la vita e la morte. A tenerlo in vita ora sono le macchine.

Ricoverato a Teramo, in tanti sono accorsi a fargli visita anche se avvicinarglisi è impossibile.

Bravo nel suo lavoro, disponibile con tutti, un marito ed un padre presente, amorevole ed affettuoso, una mano sempre rivolta al prossimo. Il suo impegno, quello all’interno della parrocchia San Giuseppe a San Salvo, la sua vicinanza ai giovani, il suo amore per lo sport, il suo sorriso, la sua giovialità, sono negli occhi, nelle parole, nelle lacrime dei tanti che lo conoscono da sempre e dei tanti che in questi anni hanno avuto il dono di conoscerlo.

Quella mano, sempre rivolta al prossimo, ora è il prossimo a rivolgerla a lui. La comunità parrocchiale di San Salvo, ha raccolto in preghiera quanti attendono il suo risveglio, recitando un rosario per lui. Anche gli amici più stretti, sempre presenti e vicini alla moglie Rosita, si sono riuniti a raccolta in preghiera all’ospedale di Teramo e hanno anche loro recitato un rosario per Eugenio facendo celebrare anche una Santa Messa.

Sempre presente, mai un segno di malessere, sportivo ed amante della natura e non a caso infatti faceva parte anche del gruppo nordic walking insieme alla moglie Rosita con la quale, lo scorso 26 settembre, insieme al “gruppo” si erano recati alle Tremiti per la camminata. Queste le parole della moglie per l’occasione “Un fine settimana bellissimo, immersi nello scenario spettacolare delle Isole Tremiti insieme ai nostri amici walkers delle Marche. Mare, sole, Nordic, una pineta rigogliosa, cultura e storia hanno colorato la nostra vacanza. Un grazie a tutti per aver reso il tutto ancora più bello con la vostra presenza e per aver condiviso il cammino insieme con allegria e stupore”.

La comunità di San Salvo, gli amici del lavoro, la comunità scout di Vasto e tutti coloro che lo conoscono, si  uniscono in preghiera affinché il Signore ascolti le parole rivoltegli, affinché Eugenio si risvegli, tornando a far splendere, con il  suo sorriso, con la sua umanità e con la sua bontà, il sorriso ed il cuore di quanti lo conoscono.

Una “catena umana” fatta di preghiere e di mano strette l’un nell’altra affinché arrivino al Signore e a lui, le parole di tutti. Perchè il suo risveglio è nelle preghiere di tanti.

“Forza Eugenio”, queste le parole che molti gli rivolgono.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.