Banner Top
Banner Top

Nuovi tagli all’ospedale di Gissi

Nuovi tagli al punto di primo intervento dell’ospedale di Gissi.

Nonostante l’amministrazione comunale abbia vinto il ricorso al Tar, riottenendo nei mesi scorsi il funzionamento H24 del servizio che la Asl aveva ridimensionato, si prefigura una nuova riduzione oraria. Una delibera del 4 agosto scorso, avente per oggetto la riorganizzazione dell’attività sanitaria del presidio territoriale di assistenza di Gissi, dispone la riduzione della operatività del punto di primo intervento da H24 a 12 ore. La Asl ha motivato tale provvedimento con il numero delle prestazioni effettuate dal primo gennaio al primo luglio inferiori ai limiti di legge.

Contro la delibera è insorta la giunta guidata dal sindaco Agostino Chieffo che ha deciso di inoltrare ricorso al Tar contro la Asl Lanciano Vasto Chieti, la Regione Abruzzo e contro il Commissario ad acta per l’attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario.

Insomma, la storia si ripete.

E’ la seconda volta che l’amministrazione comunale gissana ricorre ai giudici amministrativi.  Sulla riduzione dell’attività del punto di primo intervento il Tar si era pronunciato a gennaio,  dicendo in maniera chiara che non era possibile ricorrere  al  ridimensionamento “senza aver prima dato vita al nucleo di cure primarie previsto dal nuovo modello organizzativo”.  

“La delibera della Asl appare fortemente lesiva dell’interesse dei cittadini di Gissi”, sostiene Chieffo, “che hanno diritto a vedersi garantita un’assistenza sanitaria completa, efficiente ed adeguata alla specificità del territorio”.

Nella stessa seduta di giunta è stato dato incarico all’avvocato Cristiano Bertoncini di Vasto, affinchè rappresenti, difenda e tuteli le ragioni dell’ente.

Il ricorso del comune di Gissi fa il paio con quello presentato nelle scorse settimane da Cupello, Scerni e Celenza Sul Trigno contro la chiusura delle guardie mediche.

Il filo conduttore, ancora una volta, è la tutela della salute delle popolazioni residenti nei piccoli centri dell’entroterra.

     Anna Bontempo

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.