Banner Top
Banner Top

“Giù le mani dal nostro mare”, stamane il flash mob

Ha fatto tappa stamane a Vasto l’iniziativa “Giù le mani dal nostro mare” organizzato dal Movimento 5 Stelle contro le trivellazioni. Un appuntamento volto alla sensibilizzazione della tutela delle coste.

Un tour che da giugno si sta snodando tra le più importanti località balneari d’Italia e che terminerà a settembre allo scopo di sensibilizzare i cittadini su una politica energetica sostenibile.

Il flash mob di stamane è partito dal pontile di Vasto Marina con un corteo giunto al Monumento alla Bagnante dove si è tenuto un incontro/confronto con i tanti cittadini.

Presenti all’appuntamento l’europarlamentare Daniela Aiuto, il consigliere regionale Pietro Smargiassi, le consigliere comunali Ludovica Cieri e Dina Carinci.

Tanti i presenti per un’iniziativa volta alla sensibilizzazione della tutela delle nostre coste.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

1 Comment

  1. Gianluca Castaldi

    Il M5S, movimento di cittadini, per sua natura pensa al futuro ed alle prossime generazioni, alla sostenibilità ambientale ed all’indipendenza energetica del Paese. Per questo il Programma Energia che abbiamo appena presentato avrà effetto sul sistema energetico a partire dal 2020 e la completa uscita dalle fonti fossili entro il 2050. Questi i punti principali:

    Al 2020:
    Carbone fuori dal sistema entro il 2020
    Le centrali a gas naturale saranno per prime chiamate a sostituire le centrali a carbone in uscita ma non dovranno essere costruite nuove centrali a fonti fossili. Nel medio periodo sarà favorita la migrazione dei consumi termici verso l’elettrico, in particolare per l’autoproduzione da fonti rinnovabili; dovrà essere risolta la dipendenza dei trasporti dai prodotti petroliferi: trasporto collettivo e mobilità elettrica, a supporto anche della gestione del sistema energetico.

    Al 2040:
    Petrolio fuori dal sistema entro il 2040 (esclusi Agricoltura e Aviazione)
    Progressivamente le fonti rinnovabili quali solare fotovoltaico, eolico, idroelettrico e bioenergie sostituiranno le altre fonti

    Al 2050:
    Efficienza energetica à riduzione di oltre il 35% consumi finali energia quale obiettivo minimo
    Gas naturale fuori dal sistema prima del 2050
    Rinnovabili unica fonte interna nel 2050
    Forte penetrazione del vettoreelettrico

    http://www.beppegrillo.it/2016/04/diretta_il_programma_energia_del_movimento_5_stelle_energia5stelle.html

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.