Banner Top
Banner Top

Argento per Nicolai e Lupo, la soddisfazione e la gioia di Ettore Marcovecchio

L’impresa Nicolai-Lupo nella finale di Beach Volley ai Giochi di Rio 2016 non è riuscita fino in fondo, ma l’argento che portato a casa vale comunque molto. E’ infatti la prima medaglia dell’Italia in questa disciplina ed il risultato raggiunto è quindi comunque di per sé grandioso.

Soddisfatti, con un po’ di amaro in bocca, il duo Paolo e Daniele. Soddisfatti  il coach Matteo Varnier ed Ettore Marcovecchio, l’allenatore vastese  che ha partecipato alla preparazione di Nicolai e Lupo.

Una gara iniziata con una pioggia fitta e fine sulla spiaggia dell’Arena di Copacabana contro i campioni del mondo in carica, i due brasiliani Alison e Bruno e terminata 2-0 (21-19, 21-17).

“Quando te la sogni tante volte una finale olimpica te la immagini con un finale diverso da quello che è stato. Ma anche così questa medaglia mi piace moltissimo. Prima di partire per il Brasile puntavamo a una medaglia, ce lo eravamo detti, per cui questo argento luccica tantissimo. Anche se è chiaro che quando arrivi a questo punto ti immagini di più. Vuoi di più. Fino a quando non ho avuto addosso la medaglia quasi non ci credevo. Sono state grandi emozioni: mi sono goduto la finale in ogni momento, in ogni dettaglio, in ogni particolare. Il riscaldamento, la preparazione alla partita. Tutto sempre, fino alla fine”. Parla così Paolo Nicolai come si legge dal sito della gazzetta.

Una medaglia olimpica che segna la storia del beach volley italiano e l’inizio di un un futuro di questa disciplina nel panorama olimpionico.

Foto gazzetta.it

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.