Banner Top
Banner Top

San Salvo, il Pd incontra la stampa

Dubbi e perplessità su tempi, costi e soldi del ribasso d’asta per i lavori di messa in sicurezza e di adeguamento sismico della scuola media “Salvo D’Acquisto”.

Questo il tema della conferenza stampa tenutasi ieri pomeriggio dal Partito Democratico presso la Villa comunale di San Salvo di fronte la scuola media.

Una struttura, quale quella della scuola media, che ha chiuso i suoi battenti per l’inizio dei lavori, alla fine del precedente anno scolastico e che sarebbero dovuti terminare in 140 giorni, ma che tuttora, al termine di questo nuovo altro anno scolastico, rimangono ancora chiusi.

Sono di qualche giorni fa –inizia e chiarisce subito il segretario Luciano le parole dell’assessore ai lavori pubblici Giancarlo Lippis che ha asserito, a mezzo comunicato stampa, che l’amministrazione sta rispettando la tempistica per la riconsegna dei lavori e che sulla suddetta struttura é stato giá effettuato il collaudo statico. Ma una struttura, affinché possa tornare operativa -ricorda Luciano- necessita dell’agibilità che non è ancora stata data, ma sulla quale non abbiamo dubbi perché il 12 settembre, data di riapertura delle scuole, la stessa riaprirà i suoi battenti agli studenti”.

Parole lette però queste con un po di perplessità da alcuni dei presenti alla conferenza.

Ciò che ci preme soprattutto sottolineare e rimarcare però – continua il segretario- sono i tempi di riconsegna dei lavori; tempi che si sono triplicati da quelli inizialmente previsti e che hanno comportato ad oggi un aumento dei costi. Aumenti riguardanti i canoni di affitto della provvisoria struttura in via Pertini e i costi delle varianti al progetto iniziale rese necessarie per il completamento dei lavori stessi. Varianti che hanno comportato una lievitazione del costo del progetto da 1.150mila euro a 1.340mila euro. Migliaia di euro spesi per avere poi alla fine cosa? Una scuola si a norma ma comunque rappezzata, con tra l’altro la palestra e il muro di cinta che cade a pezzi e non rientranti, entrambi, nelle opere di “ristrutturazione. Ed è su questo –chiude in prima analisi Luciano- che vogliamo avere risposte dall’amministrazione comunale”.

Ma punto importante e focale dell’incontro, che ha sollevato altrettanti ed importanti dubbi, tra gli esponenti del Pd e di qualche presente alla conferenza, è stata la questione riguardante il ribasso d’asta; un ribasso di circa 70mila euro che la stessa amministrazione ha però totalmente speso per le varianti al progetto. “Ma il ribasso d’asta –sottolinea  il segretario- in caso di cofinanziamenti regionali, vanno restituiti alla Regione stessa”.

Cosa accadrà dunque adesso? La Regione chiederà i soldi indietro? E se così fosse, l’amministrazione come e da dove li prenderà? Questi i dubbi che si uniscono ai precedenti e a cui l’amministrazione è chiamata a rispondere.

Un’amministrazione chiamata in causa anche dal consigliere Luciano Cilli che rimarca il quesito già esposto dal segretario del Pd: “In caso di incendio cosa accadráDove sono le vie di fuga? Lo spazio per le autobotti è praticamente assente!”. 

Un’amministrazione -come ha concluso Luciano Cilli- in preda dunque alla più totale disorganizzazione dei lavori pubblici. Milioni di euro buttati, a causa di improvvisazione, disorganizzazione e sperpero di denaro pubblico”.

Dubbi e perplessità a cui l’amministrazione dovrà rispondere.

  • 20160711_170749
  • 20160711_170746
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.