Banner Top
Banner Top

Bambini e obesità

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità in Europa una persona su tre è in sovrappeso e la percentuale sta aumentando tra i più giovani. La principale causa dell’obesità risiederebbe nello stile di vita eccessivamente sedentario della maggior parte dei bambini: molti di loro non praticano alcuno sport o al massimo per un’ora a settimana, non escono mai a giocare coi coetanei, trascorrendo il pomeriggio in casa tra compiti, TV, computer e videogiochi.

Anche per quanto riguarda le abitudini alimentari le cose non vanno meglio, spesso i bambini mangiano male e più del necessario ingerendo troppi grassi e zuccheri. L’obesità e il sovrappeso devono essere considerati una malattia, ma bisogna anche comprendere che molte malattie moderne come alcune forme di tumore, il diabete di tipo 2, ictus, infarto compaiono più frequentemente in persone grasse piuttosto che magre. Per questo motivo gli istituti nazionali e mondiali hanno puntato il dito contro l’obesità e i pericoli che esso comporta. Alcuni bambini possono avere una predisposizione genetica all’obesità, ma questo non significa che bisogna arrendersi davanti a tali predisposizioni, con la prevenzione e un giusto stile di vita l’obesità si può evitare. Le fasce più a rischio sono il primo anno di età, il periodo che va dai 3 ai 6 anni e l’adolescenza, l’obesità che insorge in queste fasi è più difficile da eliminare e c’è il rischio che, se non curata in tempo, la malattia diventi permanente, i bambini dagli 8 ai 9 anni rappresentano la fascia d’età in cui l’obesità è più diffusa. Spesso ci preoccupiamo quando il bambino mangia poco e raramente quando mangia troppo, ma non consideriamo che un eccesso di calorie prolungato nel tempo comporterà una condizione di sovrappeso che col tempo si trasformerà in obesità. Infatti una iperalimentazione nei primi 18 anni di vita comporterà un aumento del volume e del numero delle cellule adipose, questo numero dopo i 18 anni non cambierà ed è per questo che è importante arrivare a tale età in condizione di normopeso.

Le principale cause dell’obesità sono il cambiamento dello stile di vita, infatti è notevolmente diminuita l’attività fisica e sono peggiorate le abitudini alimentari causando un’intossicazione cellulare in tutto il corpo, infatti è’ importante tenere conto del gusto e della qualità dei prodotti che si comprano, raramente ci si ferma a leggere l’etichetta dei cibi che acquistiamo. Dimagrire da adulti una volta che si è obesi è molto difficile perché anche se si decide di cambiare l’alimentazione e seguire un programma alimentare corretto ci si scoraggia facilmente poichè i risultati non sono visibili a breve termine; inoltre fare più attività fisica diventa estremamente faticoso e smaltire le calorie in eccesso dovuta da una errata alimentazione diventa molto difficile. I genitori dovrebbero essere i primi ad accorgersi dell’aumento di peso del bambino e rivolgersi ad un nutrizionista di fiducia, per cui è molto importante cominciare con un programma preventivo fin da bambini, programma che coinvolga anche i genitori e tale programma dovrebbe cominciare fin dalla gravidanza perché è ormai certo che dall’alimentazione della madre dipende la futura tendenza o meno al sovrappeso del bambino, inoltre ciò che il bambino troverà sulla tavola della propria famiglia determinerà il suo rapporto col cibo.

Quali sono i principi di una sana alimentazione?

  • Preferire alimenti come frutta e verdura, cereali e legumi
  • Limitare il consumo di carne
  • Evitare i prodotti che contengono grassi saturi (quelli animali) e i grassi chiamati trans (presenti nelle merendine, margarine ecc). Utilizzare olio extra vergine di oliva
  • Sostituire le merendine con cibi fatti in casa
  • Ridurre il consumo di zucchero e preferire dolcificanti naturali come il miele
  • Evitare bevande gassate e succhi di frutta industriali e preferire acqua, spremute o centrifugati di frutta

L’attività fisica…praticamente inesistente nella vita dei bambini; la sedentarietà negli ultimi anni è aumentata di pari passo con lo sviluppo delle moderne tecnologie. Prima i bambini giocavano all’aria aperta, correvano, andavano in bici, giocavano a pallone, oggi invece sono sempre davanti ai videogiochi, computer e TV… non c’è cosa più sbagliata! L’esercizio fisico è fondamentale durante la crescita perché oltre a faro dimagrire contribuisce a distribuire adeguatamente le proporzioni tra massa grassa e massa magro. Purtroppo c’è una dilagante tendenza al sovrappeso e occorre capire che questa strada è pericolosa per la salute dei nostri figli e avere il coraggio di invertire la rotta. Il successo si raggiungerà più facilmente se saremo innanzitutto noi genitori a cambiare il nostro stile di vita: alimentazione sana ed equilibrata e attività fisica.

 

Dr.ssa Manuela Di Silvio
Consulente nutrizionale- Farmacista
Pag. fb Dr.ssa Manuela Di Silvio

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.