Banner Top
Banner Top

“Noi veniamo a darvi il buon anno, il buon anno dell’allegria…”

 

 

Nell’ultimo giorno dell’anno, caratteristici sono i canti tramandati dall’antica tradizione natalizia vastese, un tempo eseguiti da allegre comitive accompagnati dal suono di tamburelli, pifferi, organetti e mortai da cucina di legno, in giro per famiglie e negozi a portare il buon anno.

Il Buon Capo d’Anno, con versi in italiano, e Il Capo d’Anno, con versi in dialetto, sono le canzoni più

conosciute; in particolare la prima, ancora oggi riproposta durante le serate tra parenti e amici, inizia con questi versi:

Noi veniamo a darvi il buon anno

Il buon anno dell’allegria

A voi tutti in compagnia:

Buon Capo d’Anno – Principio d’anno

Questa notte di cortesia

Vi daremo il buon Capo d’anno,

A chi ci apre e a chi ci dànno;

Buon Capo d’Anno – Principio d’anno

Questa sera prima di dormire

Vi daremo il buon Capo d’anno;

Domani è principio d’anno:

Buon Capo d’Anno – Principio d’anno

L’altra versione, è sicuramente meno conosciuta, ma lo spirito che lo anima è sempre lo stesso: l’allegra compagnia che si presenta in casa di persone con la tavola imbandita e

Si mi dèje ‘na scrippèlle – Mo’ ti sone tande ‘bbélle;

Si mi dèje nu quaggiaune – Mo ti sone n’addre ccàune;

E si ni mmi vu rrapì – Bbòna nott’ à ‘ssugnurì!

Oltre ai tradizionali canti, molto interessanti sono alcune composizione scritte da poeti o semplici improvvisatori. Della prima categoria fa parte sicuramente Domenico De Luca autore dello scherzo poetico per Il Capo d’Anno del 1859 (di cui lo scorso anno abbiamo presentato la trascrizione integrale), mentre più spontanea e genuina è il Bon Capidanne! pubblicata nel dicembre 1923 sulle colonne de Il Vastese d’Oltre Oceano, da un emigrante vastese. Il componimento è molto interessante soprattutto perché vengono citati alcuni soprannomi vastesi:

Na fate a Novajorche m’à purtate,

Vulanne sopra nu carre di foche;

Nghi na nuttate, pì mínì a stu loche,

Ajje muntagne e mare accavallate;

E mo, chi ‘n grazie a Ddi’ ci ajj’ arruvate,

Salute canta gente sta a stu loche;

Quatrere, giuvinitte e vicchiarille,

Zi ‘Ndonie, zia Maria e Ucchiariville.

La panze nin v’imbíite di scrippelle,

Lu bon principie d’anne a Capannelle:

Ca vu’ n’putete veve e vi si mpiomme,

Bon Capidanne a te, Filippe Bomme;

Si sìnti fredde a mòite fatte sotte,

Lu bon principíe d’anne a la Marotte;

Ma si fa calle, stìttece a distanze,

Bon Capidanne pure a Fittastanze;

Di una cosa mi n’ avè scurdate,

Ca lu Piattare n’ajje salutate;

Queste li diche e li diche cantanne

A tutte quante vu: Bon Capidanne!

Con il sonetto scritto negli anni ’50 dal padre francescano Donatangelo Lupinetti, noto studioso di tradizioni abruzzesi, vi auguriamo un buon Capo d’Anno, con la speranza che il 2016 possa essere migliore di quello appena passato.

Bon Capedanne!

Anne che se ne va, Anne che vvé!

Parte lu vìcchie careche di guaje

E pe’ l’eternEtà chiù nn’ arrevé.

Pòvere Vicchiòne, addò’ ti ni vaje?…

Giorne pi giorne strappìve nu foje:

Jurne, Settemane e Mise volévene;

E vvìje nde lu vénte piante e gioje…

A mezzanotte tutte j’ sparèvene!

Ecche l’Anne nôvem écchek’ à già ‘ntrate:

Va zurlijénne, piène di prumèsse;

Brìndese e spare l’ànne salutate.

Vo’ résse quèste n’Anne di prugrèsse?

Vo’ résse pe’ davvère nu bbon’Anne?

E chi li sa?… Pe’ mmo: BON CAPEDANNE!

tratto da noivastesi di Nicola D’Adamo (testo e foto di Lino Spadaccini

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.