Banner Top
Banner Top

Presentato “Lu Lunarie”, l’almanacco dei vastesi

 

 

Divulgazione storica, riscoperta del dialetto, e delle tradizioni locali ed anche come elemento di stimolazione di iniziative analoghe. Questa, in sintesi, la premessa che gli autori del “Lunarie de lu Uaste – Almanacco dei

Vastesi” hanno tratteggiato per annunciare la XVI edizione di questa importante pubblicazione, corredata da numerose riproduzioni fotografiche, che, oltre a passere in rassegna, in prosa e in poesia, gli avvenimenti che si sono verificati in città, note e personaggi vissuti nella nostra epoca. Gli autori -Giuseppe Tagliente, Paolo Calvano, Fernando D’Annunzio, hanno “rispolverato” dagli inediti fatti accaduti in passato, ma ancora vivi nella nostra memoria mai spenta, i protagonisti che, in tutti i settori della vita pubblica hanno contribuito a “scrivere” la storia di Vasto, per averla vissuta, per averla anche scritta con le loro opere che l’Almanacco dei Vastesi, ha voluto fossero rinverdite, se non altro per rendere merito a quanti l’hanno tracciate “con umiltà, con fatica, con tenacia , ma anche con l’unica convinzione di star facendo qualcosa di utile per le nostra città”. E questi intenti sono stati raggiunti perché la pubblicazione, non da ora, entra a far parte di quel patrimonio storico-culturale che fa onore a Vasto e all’Abruzzo, anche perché i protagonisti che l’hanno costruito appartengono alla nostra “gente forte e gentile” per eccellenze che meritano di occupare un onorevole posto nella graduatoria delle lodi che bisogna tributare a quanti ne sono stati parte viva. E la particolarità della pubblicazione, soprattutto, è quella di contribuire, promuovere e valorizzare il dialetto vastese che, nonostante gli assalti dei vari “ismi” moderni, resiste ed è sempre proiettato in avanti, grazie a quanti lo coltivano e lo difendono,verso un futuro legato indissolubilmente alle nostre radici, alla lingua della nostra gente, di cui occorre difendere gli empiti che appartengono a quella nostra caratteristica “parlatura paesana” meritevole di essere elevata a cultura, quale retaggio ereditato dai nostri avi, che l’umile gente custodisce con semplice, ma strenua lotta per tramandarla alle future generazioni.

GIUSEPPE CATANIA (noivastesi)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.