Banner Top
Banner Top

Vandali nuovamente in azione nel borgo di Santa Maria

 

 

La scorsa notte i soliti vandali sono tornati ad operare all’interno del vecchio centro urbano di Vasto prendendo di mira il borgo di Santa Maria. Ripetendo gesta già compiute diverse volte, tra la complicità di chi sa e non segnala nulla, i vagabondi hanno agito indisturbati in largo Mattioli distruggendo alcuni dei grandi vasi messi ad arredo urbano dal Comune ed alcune fioriere. Due notti fa avevano addirittura reciso le piante di olivo che erano state sistemate per rendere l’aspetto della zona più gradevole.

“E’ impossibile stare dietro a questi delinquenti”. Con queste parole, visibilmente incavolato, questa mattina l’assessore ai servizi del Comune, Luigi Marcello, che cura quotidianamente il centro storico, ha commentato questo nuovo incredibile gesto vandalico.

“A cosa serve intervenire se costoro continuano indisturbati a distruggere quello che di giorno creiamo. Quello che mi dispiace – ha aggiunto Marcello – è la complicità di chi vede e sente e non segnala nulla alle forze dell’ordine. Rompere, di notte, un grosso vaso di coccio, significa fare rumore. Possibile che nessuno da quelle parti non ha udito alcun rumore? Ciò nonostante siamo riusciti ad identificare questi balordi ed a segnalarli alle competenti autorità di polizia”.

Potrebbe sembrare inutile aggiungere che il ripetersi di queste gesta provoca disappunto tra quegli imprenditori che hanno fatto investimenti all’interno del centro storico di Vasto e che, ora, dinanzi al ripetersi di gesti vigliacchi, temono danni per le loro attività

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.