Banner Top
Banner Top

A Vasto la solenne celebrazione della Virgo Fidelis

 

La ricorrenza della Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei Carabinieri, è stata celebrata a Vasto dalla locale Compagnia dei Carabinieri con una Santa Messa nella Cattedrale di San Giuseppe presieduta da don Gianfranco Travaglini. Giornata nella quale i Carabinieri ricordano la fine della battaglia di Culqualber del 1941 e celebrano la Giornata dell’Orfano e delle Vedove.

Quella di sabato sera è stata una cerimonia alla quale hanno partecipato i carabinieri in servizio e i soci dell’Associazione Nazionale Carabinieri (Anc) con i loro famigliari. Erano presenti i labari delle associazioni della Polizia, della Marina Militare, degli Alpini e dell’Aeronautica Militare. Per l’Amministrazione comunale il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, il presidente del Consiglio Giuseppe Forte e il vicesindaco Vincenzo Sputore. Al gran completo i rappresentanti di tutte le forze dell’ordine presenti in città.

Nell’omelia il parroco della Cattedrale, nel giorno in cui la Chiesa celebra la regalità di Cristo, ha invitato a riscoprire il senso del dovere e della fedeltà ai valori del cristianesimo sottolineando come tutte le forze dell’ordine debbano impegnarsi a essere costruttori e difensori della pace.

E’ stato il maggiore Giancarlo Vitiello, comandante della Compagnia, a far rivivere gli avvenimenti che caratterizzarono la battaglia di Culqualber, combattuta in Abissinia (l’attuale Etiopia) tra il 6 agosto e il 21 novembre del 1941 fra italiani e inglesi, e gli atti di eroismi che sono ricordati ancora oggi a 74 anni di distanza. Vitiello ha invitato a riscoprire la storia bicentenaria che fa del carabiniere un servitore dello Stato, un impegno quotidiano instancabile che trae i suoi valori nella fedeltà che, propria di ogni soldato che serve la Patria, caratteristica dell’Arma dei Carabinieri che ha per motto: “Nei secoli fedele”. I cittadini devono avere atteggiamenti di fiducia e stima nei confronti degli uomini e delle donne dell’Arma.

Al termine della cerimonia è stata letta dal maresciallo Giuseppe Russo la preghiera della Virgo Fidelis, mentre un sentito ringraziamento a tutti è stato rivolto dal presidente della sezione vastese dell’Anc, Adriano Barattucci, che ha introdotto la consegna delle tessere di socio simpatizzante al giornalistaGiuseppe Catania e all’avvocato Pierpaolo Andreoni. A illustrarne le motivazioni il generale di divisione in pensione Gianfranco Rastelli, di un’associazione che si apre anche al contributo di chi non ha prestato servizio nei carabinieri, che ha invitato i neo iscritti a indossare con onore i simboli dell’Arma nel nome della Patria.

Nella battaglia di Culqualber il 1º Gruppo mobilitato dei Carabinieri e il CCXL Battaglione Camicie Nere si immolarono quasi al completo con tale valore che ai pochi sopravvissuti gli avversari tributarono l’onore delle armi. Oltre a numerose menzioni e decorazioni individuali, per il comportamento tenuto dall’intero reparto alla bandiera dell’Arma dei Carabinieri è stata concessa la medaglia d’oro al valor militare. Nel 1949, la ricorrenza della Patrona dell’Arma dei Carabinieri, Virgo Fidelis, è stata fissata dal papa Pio XII per il 21 novembre, giorno in cui cade la Presentazione della Beata Vergine Maria e la ricorrenza della battaglia di Culqualber.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.