Banner Top
Banner Top

Villa confiscata, appalto per aprire la Casa famiglia

Dopo i raid arriva la gara d’appalto. Gli uffici comunali stannopredisponendo il bando per la gestione della Casa famiglia per minori che verrà ospitata nella villa confiscata di via Dei Bontempi, all’Incoronata. A distanza di oltre un anno dal trasferimento dell’immobile dall’Agenzia nazionale per i beni confiscati al comune di Vasto e dopo l’intervento della Prefettura che ha scritto al sindaco Luciano Lapenna chiedendogli conto delle notizie riportate dal Centro, l’amministrazione comunale ha deciso di ingranare la marcia. In caso contrario l’immobile, sequestrato nel 2009 ad una coppia rom, potrebbe tornare allo Stato, così come previsto dalla normativa in vigore che prevede la revoca del trasferimento o la nomina di un commissario con poteri sostitutivi nel caso in cui l’ente territoriale non provveda alla destinazione del bene entro un anno dall’assegnazione.

“ Gli uffici stanno predisponendo gli atti per l’appalto”, fa sapere l’assessore alle politiche sociali, Anna Suriani, “ci sarà una gara ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio in concessione, formula che prevede l’approvazione da parte del consiglio comunale. L’obiettivo dell’amministrazione è utilizzare la villa confiscata e destinarla a Casa famiglia, una struttura di cui c’è assoluta necessità e che consentirebbe di accogliere anche minori provenienti da altri comuni”.

Attualmente il Comune, che spende oltre 600mila euro l’anno per pagare le rette dei ricoveri, si avvale di altre strutture presenti sia sul territorio (come la Fondazione Genova Rulli) sia in ambito provinciale per la collocazione di quei minori per i quali i Servizi Sociali e il Tribunale per i minorenni dell’Aquila, dispongono l’allontanamento dalla famiglia. Insomma, qualcosa si comincia a muovere anche se i tempi non si annunciano brevi. La villa, la cui proprietà è stata trasferita al Comune dopo un complicato iter giudiziario, è abbandonata da oltre un anno e alla mercè di chiunque. Diverse le incursioni verbalizzate dalla polizia municipale. I sopralluoghi dei vigili urbani, che hanno trasmesso un rapporto in Procura, hanno accertato che ignoti sono riusciti, in più occasioni, ad entrare nella lussuosa villa di via Dei Bontempi, nonostante la presenza di catene e lucchetti. Nel corso dei raid sono stati portati via pezzi di carrozzeria di una mercedes parcheggiata nel garage.

I recenti episodi hanno riacceso i riflettori su una vicenda che ha richiamato l’attenzione anche della Carovana antimafia che nelle scorse settimane ha fatto tappa in via Dei Bontempi.

Anna Bontempo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.