Banner Top
Banner Top

Autoporto Vasto-San Salvo, la proposta dei 5 Stelle

L’autoporto Vasto-San Salvo rappresenta l’ennesima eterna incompiuta del sistema Italia. La sua realizzazione cominciò a inizio anno ’90, utilizzando fondi della Cassa per il Mezzogiorno e della Comunità Europea. L’opera è costata 33 milioni di euro ed oggi è nel più totale abbandono, diventando ricovero per gente senza fissa dimora. È anche oggetto di uno scellerato vandalismo. Il comune di San Salvo, in collaborazione con la Fee, il Consorzio industriale e la Pilkington siglerà un accordo per la gestione dell’area limitrofa allo stabilimento dove si trovano le strutture dell’autoporto. Su tale accordo, il consigliere del Movimento 5 Stelle, Pietro Smargiassi, ha dichiarato: “Perché  si sente la necessità di investire su nuove aree quando si può,  e si deve,  immaginare una fase di rilancio partendo da ciò che è già stato realizzato? Per rimettere a regime una serie di strutture del genere sono necessari investimenti cospicui che però, se messi a confronto con quanto sin qui speso per un’opera ferma, sono di certo risibili. E’ inutile  investire ulteriori soldi interventi ex novo che possono solo alleviare il problema ma che non lo risolvono del tutto”.

“È giusto ricordare” continua Smargiassi “ come anche il Consorzio Industriale abbia contribuito alla realizzazione dell’autoporto ed allora perché non può essere proprio il consorzio, eventualmente attraverso il nuovo soggetto unico ARAP, l’ente compartecipato dedito alla gestione e quindi al rilancio di questa area? “Ed in caso negativo” continua il consigliere “Perché ancora non è stato attivato un bando per   acquisire preliminarmente le manifestazioni di interesse di eventuali soggetti interessati? Su quali dati si basa la convinzione che non vi sia alcun soggetto, pubblico, privato o compartecipato, che sia interessato a gestire l’autoporto?” “Se tale convinzione si fonda sui limIti posti dalla normativa vigente allora credo che non possiamo più essere vincolati da una Legge regionale  tutt’altro che funzionale per il territorio, visto che ne tarpa le ali dello sviluppo. Si può cambiare la Legge ed abbassare la quota di abitanti minimi di un comune per aumentare l’attrattiva e quindi ampliare il novero di soggetti potenzialmente papabili per assumere la gestione”.

È importante ricordare che il sito dell’autoporto si trova a soli 200 metri dall’area industriale di Vasto – San Salvo. Attraverso un nuovo collegamento, magari realizzando un nuovo e breve tratto ferroviario, l’autoporto potrebbe essere una struttura dedita al completo servizio di realtà ben radicate ed insediate nell’area industriale quali Denso, Euroortofrutticola, Pilkington solo per fare alcuni esempi. 

Si potrebbe, in seconda analisi, pensare ad una nuova opportunità di crescita per la neonata azienda di trasporti TUA che implementerebbe i propri servizi legati allo scambio ferro – gomma. Implementare un servizio del genere vorrebbe dire peraltro abbattere i costi del trasporto e quindi garantire maggiore competitività per le aziende già presenti nel polo vastese.

“C’è bisogno di una soluzione definitiva e di rilancio dell’autoporto” sentenzia Smargiassi “che può essere solo quella di interventi sull’area  e non a margine della stessa. Una soluzione quindi che rappresenta  un’opportunità di rilancio per il sito e di sviluppo per l’area industriale di Vasto. Se L’Assessore Lolli ed il Governatore D’Alfonso credono nel rilancio dell’area industriale Vastese lo dimostrino tracciando la linea volta a rivitalizzare l’autoporto.

“Proprio al Presidente D’Alfonso mi rivolgo” conclude il consigliere a 5 stelle “al quale devo purtroppo ricordare le sue promesse riguardo al rilancio dell’Abruzzo che doveva per forza partire dal vastese. Fino ad ora è rimasto un mero spot lanciato in campagna elettorale, nonostante vi siano state per il Governatore occasioni per dare seguito, con i fatti, alle sue parole. Auspico che non si lasci sfuggire anche questa, che rappresenta realmente un’operazione in grado di cambiare “velocità” all’intero comparto industriale del vastese e di quelli limitrofi”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.