Banner Top
Banner Top

Tentativo di stabilizzazione dei precari, Sasi nel mirino di Fabrizio Di Stefano (FI)

Entra di nuovo nell’occhio del ciclone il Cda della Sasi, la società che gestisce i servizi di fornitura idrica e depurazione in quasi tutta la provincia teatina. Dopo quelle inerenti le elezioni dello stesso Cda, la fusione con l’ISI, le indagini che hanno portato al sequestro di depuratori nell’area frentana, nel mirino del senatore forzista Fabrizio Di Stefano finisce il tentativo di stabilizzare una sessantina di dipendenti.

“In merito alle dinamiche del personale nella SASI – scrive Di Stefano – registro che, mentre si continua a perdere cause con le vicissitudini di un ex dipendente della SASI, licenziato illegittimamente, si tenta, dall’altro lato, di stabilizzare una sessantina di assunzioni a tempo determinato”.

“Fa riflettere oltretutto – continua Di Stefano – che tra tempi determinati e consulenze, ci siano diverse figure che hanno una rilevanza politica, e mi riferisco a sindaci ed amministratori dell’area ortonese, frentana e vastese, dei comuni che hanno diritto di voto nell’assemblea della SASI ma anche a dirigenti di partito, sempre di centro sinistra”.

“E’ strano che numerose fra queste figure, sempre di centro sinistra – commenta ancora il deputato FI – siano quindi legate alla SASI in maniera diretta appunto perché amministratori pubblici, o indiretta perché parenti di altrettanti amministratori o di ex dirigenti del consorzio acquedottistico. Tanto più che queste procedure sono state effettuate senza alcun criterio di selezione – prosegue l’ex senatore – Addirittura alcuni di questi si recano anche a votare i bilanci della SASI stessa, con un evidente conflitto di interesse .

“In una posizione già complicata finanziariamente dell’ente poi – conclude Di Stefano – sembra si stia provvedendo anche ad esternalizzare la mansione dei letturisti, per cui gli attuali dipendenti deputati a tale mansione verrebbero impiegati in altre funzioni sempre nella SASI, e quindi, senza sgravio di bilancio ma anzi aumentando la spesa dei costi afferenti alla nuova società che dovrebbe svolgere tale mansione. Domanderò agli amministratori del centrodestra di chiedere gli opportuni chiarimenti ai revisori dei conti, ed in base alle loro risposte mi muoverò di conseguenza”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.