Banner Top
Banner Top

Il Premio S. Michele alla giornalista Antonella Sciocchetti

Un premio ad un giornalista è sempre un evento da salutare in modo particolare, soprattutto in momenti come questi nei quali diventano sempre più opprimenti i limiti che si vogliono imporre a una professione già di per sé difficile e piena di sacrifici.

Eppure sono i giornalisti coloro che raccontano quanto accade nel mondo nel bene e nel male, che ancora oggi sanno creare opinioni e dibattiti, che sanno parlare di pagine anche nascoste della realtà quotidiana, tra gioie e sorrisi, ma anche lacrime e dolore, e tutto questo è quello che fa, e molto bene, anche Antonella Sciocchetti, la giornalista RAI, che martedì pomeriggio verrà insignita del Premio S. Michele, giunto ormai alla sua XIX edizione.

Un premio che la giuria ogni anno conferisce a personalità, istituzioni ed associazioni che nel corso della loro attività si sono particolarmente distinte dando lustro alla Città d’origine.

Ma chi è Antonella Sciocchetti? Con il suo aiuto abbiamo cercato di ripercorrere la sua biografia attraverso la quale balzano subito alla vista due pilastri tra quelli fondamentali nella suo percorso esistenziale, ovvero la passione per il suo lavoro e quella per la sua terra; un profilo che lascia trasparire la sua anima poliedrica, ma anche la sua tenacia e la capacità di rapportarsi con mondi diversi quanto complessi quali quelli dell’arte recitativa e dell’informazione.

Di origini teatine Antonella è cresciuta a Vasto, dove si trasferisce con la sua famiglia nel 1978, e qui si diploma presso l’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Filippo Palizzi”. Nella città di Rossetti, Palizzi, Mattei e tanti altri avviene il suo debutto sia nel teatro (quindicenne, con la Compagnia “Gruppo Due Pini”) che nella Televisione, come conduttrice, presso l’Emittente locale PL2000. Nello stesso periodo (1987) scrive anche nella pagina di Vasto de “Il Tempo d’Abruzzo” di cui era Direttore Giuseppe Forte.

Quindi, si trasferisce a Roma, dove attualmente risiede e lavora, per gli studi Universitari che compie presso “La Sapienza”, laureandosi in Lettere Moderne (Discipline dello Spettacolo) con una tesi in Storia e Critica del Cinema sul compianto attore Enzo Cerusico.

Nella Capitale inizia la lunga carriera di attrice, autrice e regista teatrale, collaborando, tra gli altri, anche con Aldo Giuffré e Barbara Amodio.

Docente di Dizione e Recitazione presso l’Accademia Internazionale dell’Attore “Permise de Conduire” per tre anni, dirige laboratori teatrali e si adopera in Corsi di Aggiornamento sul Teatro alle insegnanti della Scuola Elementare, riconosciuti dalla Regione Lazio.

Vince numerosi premi in qualità di attrice e autrice, dal Premio SNAD “Mario Ponchia” al Pegaso D’Oro al talento artistico (miglior attrice), dalla menzione speciale della Critica del “Premio Charlot di Salerno” al premio letterario “Peppino a Mare”, conferitole da Mario Verdone.

Nel 2001 comincia una collaborazione a tempo determinato con la Rai, dapprima come conduttrice radiofonica (Notturno Italiano e Taccuino Italiano – Rai International), poi nella rete (Sette note, Applausi, Cinematografo, Domenica In, A Conti Fatti, Buongiorno Benessere – RAIUNO).

Scrive per “Ostia Oggi” per un periodo di due anni e per il giornale online della libera informazione “Articolo21”, fondato da Giuseppe Giulietti.

Assunta a tempo indeterminato nel 2011, nello stesso anno, dopo un lungo praticantato RAI, supera brillantemente l’esame all’Ordine dei Giornalisti diventando giornalista professionista.

Nel 2006 pubblica la raccolta di poesie ed aforismi “Meglio Tardi che …Mario” (Geva Edizioni).
Nel 2010 presenta con successo di pubblico e critica il Vasto Film Festival a cui fa seguito un notevole interesse dei suoi concittadini verso le sue numerose attività.

Questa occasione le dà la possibilità di stringere a doppio filo il legame con la sua terra, sebbene in tutta la sua lunga attività di conduttrice radiofonica e inviata televisiva abbia sempre portato Vasto e l’Abruzzo all’attenzione degli autori dei programmi, suggerendo e realizzando servizi sul territorio che potessero esaltare le sue eccellenze, storie locali, curiosità.

L’Abruzzo è la terra ama profondamente e che non ha mai abbandonato, in realtà. Qui passa, puntualmente, tutte le sue vacanze estive e natalizie, week end e ricorrenze (e noi la ricordiamo anche in una splendida esposizione ai ragazzi chiamati a parlare della città a misura di bambino in un convegno voluto dai Lions Clubs vastesi nel maggio scorso, ndr)

Un profilo biografico che Antonella ha voluto ultimare con due chicche: “Ama la spiaggia di Punta Penna e più di tutto fare gavettoni al collega Luigi Spadaccini”.

Ad Antonella gli auguri e i complimenti della redazione.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.