Banner Top
Banner Top

Raccolta differenziata flop, in discarica solo il 60% dei rifiuti

Finisce in discarica quasi il  60% dei rifiuti prodotti dai vastesi, mentre solo il 40% del pattume viene avviato al riciclaggio. Segna il passo la raccolta differenziata che, a distanza di sei anni dal suo esordio e nonostante il notevole investimento economico, non riesce ancora a raggiungere il tetto del 65%. La percentuale, che  oscilla tra il 45% e il 50% , è al di sotto del limite imposto dalla legge.

A raccontare un risultato  piuttosto deludente sono i report della Pulchra, la società mista pubblico-privata ,  con il Comune socio di maggioranza, che gestisce il servizio di igiene urbana. Ad agosto, periodo dell’anno in cui si registra una impennata di rifiuti a causa delle presenze turistiche, sono stati raccolti 2.313.670 kg  di pattume, di cui 1.399.220 kg  di indifferenziato e 914.450 kg di differenziato tra organico, plastica e metalli, carta, cartone e vetro. Non è andata meglio a luglio mese in cui sono stati avviati a discarica 1.230.680 kg di indifferenziato su un totale di 2.046.360 kg di rifiuti raccolti. Sono dati che dovrebbero far riflettere e indurre l’amministrazione comunale ad apportare dei correttivi nella gestione del servizio, oltre  a mettere in campo delle campagne di sensibilizzazione. Una delle criticità è la scarsa propensione dei cittadini a separare il pattume  in casa.

Ci sono ancora tanti vastesi che non fanno la raccolta differenziata o la fanno male. Il risultato? Contenitori grigi (quelli per l’indifferenziato) pieni fino all’inverosimile e quelli marrone (per l’organico) quasi sempre vuoti. Ci sono poi i “furbetti della differenziata”, quelli che, pur di non separare i rifiuti in casa, se li caricano in macchina e li vanno a depositare a Vasto Marina, quartiere dove il servizio non è ancora arrivato nonostante i ripetuti annunci. Nel quartiere rivierasco i cassonetti sono sempre pieni, anche in inverno a causa dell’andirivieni incessante dei “pendolari dei rifiuti” che a causa della mancanza di controlli hanno vita facile.

Ad aggravare il quadro c’è inoltre l’assenza dell’isola ecologica, i cui lavori di costruzione all’Incoronata, in località San Leonardo, sono fermi da anni. Il non avere a disposizione una struttura (cosa grave per una città di 40mila abitanti), dove poter conferire i rifiuti ingombranti non fa altro che alimentare le discariche Nei giorni scorsi era stato il Movimento 5 stelle a segnalare “il flop della differenziata”, chiedendo non solo l’estensione della raccolta alla Marina, ma anche una seria riflessione sul servizio e sulle sue criticità.

Anna Bontempo
(fonte il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.