Banner Top
Banner Top

Autoporto in agonia, tolti anche i fondi sul completamento

«Autoporto, è possibile sapere la destinazione di questa opera faraonica costata 33 milioni di euro?». La domanda rivolta alla Regione è del sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca. La Regione ha infatti revocato il finanziamento di un milione e 300 mila euro necessario per le opere di completamento della struttura, il collegamento con le industrie e la risistemazione dei danni provocati dai vandali e dal tempo.

 «A questo punto non ci sono più i soldi. Che facciamo? È giusto lasciare un’opera costata anni di lavoro, soldoni e fatica nel più completo abbandono? Possibile che non si riesce a dare una destinazione?». L’amarezza di Magnacca è maggiore perché il Comune aveva realizzato la progettazione degli interventi. Tutto vano. Il Vastese perde un’altra importante opera.

Magnacca a febbraio aveva scritto al presidente della Regione Luciano D’Alfonso affinché l’autoporto di San Salvo divenisse una delle priorità dell’agenda del vertice della Regione. Un appello vano.

«La colpa non è solo di questo governo regionale, ma un’opera costata circa 33 milioni di euro di soldi pubblici che resta ferma come un grande pachiderma nella zona industriale alla mercé di vandali, è difficile da accettare». Il sindaco Magnacca ritiene che la Regione non possa più rinviare decisioni importanti e coraggiose per definire il futuro dell’autoporto. «È necessario un percorso nuovo. La struttura potrebbe essere funzionale e di sostegno per lo sviluppo del territorio. È un’opera che potrebbe avere una funzione strategica», insiste il primo cittadino.

«Come pubblici amministratori abbiamo il dovere di utilizzare al meglio i soldi pubblici e vigilare sulle opere e strutture realizzate e inutilizzate».

Sull’abbandono dell’autoporto c’è anche una indagine in corso. Il presidente dell’associazione Ambiente e Sport, Paolo Leonzio, e la responsabile del progetto Eco-schools europeo, sono stati convocati dal comando della guardia di finanza per fornire chiarimenti agli investigatori incaricati dalla magistratura di verificare i motivi del degrado della struttura. Leonzio dopo aver fornito le notizie richieste alle fiamme gialle ha inviato un dettagliato resoconto alla Corte dei Conti e alla Comunità europea. L’autoporto è dunque entrato nel dossier delle opere incompiute e su di lui si sono accesi i riflettori degli investigatori.

(p.c. fonte il centro)

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.