Banner Top
Banner Top

Il luogotenente dei Carabinieri Luigi Lacerenza va in pensione

Dopo vent’anni alla guida del stazione dei Carabinieri di Gissi e 37 anni di servizio va in pensione con il grado di luogotenente Luigi Lacerenza. 57 anni, originario di Barletta, Lacerenza è divenuto Carabinieri nel 1978 e può vantare molteplici successi nel corso della sua carriera dedicata all’Arma, a partire da quando prestava servizio in Val di Susa, dove ha contribuito alla lotta al terrorismo effettuando numerosi arresti di esponenti delle Brigate Rosse.

Arrivato a Gissi nel luglio del 1988, la cui stazione ha competenza anche nelle zone di Carpineto Sinello e Guilmi, è divenuto rapidamente punto di riferimento della cittadinanza e dell’On. Remo Gaspari, grazie alla sua disponibilità e alla sua capacità di relazionarsi con le persone.

Con la sua esperienza e la sua dedizione, nel 1992 Lacerenza è arrivato a ricoprire il grado di Maresciallo, rendendosi protagonista nel tempo di numerosi interventi anticrimine, in particolare quelli inerenti il traffico e lo spaccio di stupefacenti. Ricordiamo infatti l’attiva partecipazione delle recenti operazioni Conventus, Tramonto e Adriatico, di più ampia risonanza, che hanno portato all’arresto e alla condanna di diversi pregiudicati.

“Un operato apprezzato dai tanti cittadini e non solo – come ricorda Maria Luigia Lapenna – ma anche dal prefetto di Chieti, che gli ha conferito l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica.

Un ringraziamento sentito da parte di tutta la collettività per l’eccellente servizio svolto in questi anni di permanenza nel territorio gissano”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.