Banner Top
Banner Top

Vasto, cittadino rumeno aggredisce poliziotti e danneggia Commissariato

Cittadino rumeno denunciato all’Autorità Giudiziaria per violenza, minaccia e danneggiamento. Questi i fatti. Un uomo di nazionalità rumena si era rivolto a una pattuglia della Polizia, fermata per strada, dichiarando che un suo connazionale era stato aggredito e percosso all’interno di un bar. I poliziotti, giunti sul posto, avevano constatato la presenza, all’interno del locale, di persone in evidente stato di ebrezza. Ma, all’atto dell’identificazione, uno di loro aveva fornito false attestazioni, cambiando il nome e la data di nascita. Per accertarne la vera identità, i poliziotti erano costretti a invitare l’uomo negli uffici del commissariato. Ma, alla richiesta degli agenti si salire in macchina, questi ha cominciato a dimenarsi e a spintonare gli stessi operatori, facendo resistenza con atti di autolesionismo. Inoltre, una volta giunti nel Commissariato il rumeno aveva preso a calci tutto quanto gli era capitato a tiro, danneggiando anche una delle fotocellule della porta d’ingresso e minacciando di morte e coprendo di sputi gli operatori che in tutti i modi avevano cercato di calmarlo.

Identificato per C.M., di anni 32, il rumeno è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per ubriachezza, falsa attestazione della propria identità, danneggiamento, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.