Banner Top
Banner Top

Frecciabianca, la Regione bacchetta gli scontenti

“La trattativa con Trenitalia è stata riaperta con noi alla Regione. Chi si indigna oggi per la fermata del Frecciabianca, che slitta di dodici mesi, dov’era negli anni precedenti?”. Camillo D’Alessandro, sottosegretario alla presidenza del consiglio regionale con delega ai trasporti, replica stizzito all’intervento di Luciano De Nardellis, presidente della Dmc, che pur giudicando positivo l’ipotesi di accordo con i vertici delle Ferrovie per la fermata del Frecciabianca allo scalo Vasto-San Salvo (ma a partire dal 2016), ha manifestato disappunto per il mancato coinvolgimento degli operatori turistici locali nelle prime fasi della trattativa.

“Si sarebbe potuto ottenere la fermata del treno a lunga percorrenza già nel corso di questa estate, se fossero stati coinvolti da subito gli imprenditori del turismo – aveva sostenuto De Nardellis, che sul progetto “Estate in treno sulla Costa dei Trabocchi”, è riuscito a raccogliere sessanta adesioni di titolari di hotel e di strutture ricettive.”

“Dal 2011 Trenitalia ha deciso di chiudere le fermate di Giulianova e Vasto, con noi alla Redgione nel 2015 abbiamo ottenuto la riapertura di entrambe le fermate, quest’anno su Giulianova, il prossimo anno su Vasto – ribatte D’Alessandro – mi chiedo però e chiedo a De Nardellis, dove sono stati coloro che oggi si indignano per 12 mesi di differenza nei lunghi in cui la fermata è stata chiusa? Il lavoro che ha portato avanti la Regione è stato identico per Giulianova e Vasto – aggiunge l’esponente Pd – la Regione sin dal primo tavolo ha confermato la disponibilità a sostenere anche costi legati alla promozione delle fermate. Ho parlato con diversi operatori locali i quali mi hanno confermato l’unica verità possibile: prima del governatore Luciano D’Alfonso nessuno se n’è mai occupato ed ormai tutti consideravano la partita chiusa. Il lavoro fatto dalla Dmc è importante ed utile, abbiamo già ottenuto il risultato di rientrare dentro la programmazione Frecciabianca, ora lavoreremo ad un progetto, che coordinerò personalmente, di promozione ed incoming sulla costa dei trabocchi. Faremo diventare la nostra costa destinazione turistica, non occasionale, ma stabile – conclude D’Alessandro.

Anna Bontempo

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.