Banner Top
Banner Top

Raffica di multe nei parcheggi a pagamento

 

C’è chi interrompe il bagno o la tintarella per rinnovare il ticket ogni ora e chi, invece, si affida alla buona sorte con la speranza di non incappare nelle multe dei solerti ausiliari del traffico. In caso di dimenticanza le sanzioni sono salate: 41 euro, ridotte del 30% (28,70) se si paga entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notifica. E poco importa se il ticket per il parcheggio è scaduto da pochi minuti. Non c’è nulla da fare, bisogna pagare e basta, salvo poi intraprendere un contenzioso che il più delle volte si risolve a favore dell’automobilista.

Delle proteste, che piovono a raffica soprattutto su Facebook, si fa portavoce il consigliere comunale Nicola Del Prete, che annuncia la richiesta al presidente della Commissione regolamenti, Elio Baccalà, di convocazione di una apposita seduta dell’organismo consiliare per discutere ed approvare un regolamento che allinei Vasto a quelle città dove applicano il semplice conguaglio tra il biglietto scaduto e il tempo di sosta effettivo. Senza far fioccare le multe per una infrazione (divieto di sosta).

“Questo provvedimento stabilisce quanto sentenziato, ad esempio, dal tribunale di Lucca dove il giudice di pace Assunta Grillai ha dichiarato illegittima la contestazione a un automobilista che aveva sostato oltre l’orario per cui aveva pagato il parcheggio – spiega l’esponente di minoranza – il giudice ha anhe condannato la controparte, la Prefettura di Lucca, a pagare le spese processuali. Se l’automobilista sosta per un tempo superiore rispetto a quello per cui ha pagato il Comune potrà chiedergli solo la differenza ma certamente non può oggi punirlo con pesanti contravvenzioni come avviene a Vasto. Le sanzioni amministrative devono essere inflitte solo se c’è la violazione di una disposizione e non possono essere uno strumento utilizzato impropriamente dai Comuni per imporre ulteriori tasse ai cittadini e fare così cassa sulle spalle degli automobilisti. E’ sufficiente pagare il ticket, tra l’altro sempre più caro”, conclude Del Prete.

Nel frattempo meglio girare con una sveglia per ricordarsi quanto scade il ticket.

Anna Bontempo

 

 

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.