Banner Top
Banner Top

Sulle esternalizzazioni Massimo Desiati pressa Luciano Lapenna

Non avremmo mai immaginato che nella Repubblica della Città del Vasto fosse stato reintrodotto il reato di lesa maestà… Di fronte alle circostanziate critiche dell’Opposizione, critiche di carattere politico e riferite ad un sistema di gestione della cosa pubblica, da parte dell’amministrazione comunale, volto all’esternalizzazione (leggi privatizzazione) della gestione di numerosi beni e servizi, il Sindaco agita ipotesi di querele. Mai accaduto in anni di attività politica.

Siamo abituati a nervosismi e scatti d’ira ma un confronto politico non può non rimanere nell’ambito di un dibattito sui temi ed a poco serve rovesciare tavoli ed alzare barriere fumogene per creare timori ed impedire di scoprire realtà inconfutabili.

Se a scegliere la strada delle privatizzazioni fosse stata parte politica diversa da quella che oggi disamministra la città, le urla delle polemiche si sarebbero sentite in cielo. Ed invece, imposte da un’amministrazione PD/SEL/PSI, sono cosa santa, solo vantaggi economici! “Abbiamo salvato la città”, urla il primo cittadino; “Abbiamo evitato il dissesto”, aggiunge con impeto (ma perché, c’è mai stata una dichiarazione di predissesto?). Cosa Vasto sia diventata oggi lo sanno e constatano tutti i suoi cittadini: una città tornata indietro di anni e senza programmazioni di prospettiva!

Si vuol forse negare che beni e servizi pubblici siano stati dati in gestione ad associazioni, cooperative, confederazioni e persino banche? Si vuol forse negare che, da tali gestioni, ne scaturiscano proventi? Penso proprio di no, altrimenti queste realtà di natura privata non avrebbero avuto alcuna convenienza a chiederle. Sono, forse, organizzazioni di beneficenza?

Le operazioni relative a Palazzetto dello Sport, strutture sportive di Vasto marina, impianti sportivi dei Salesiani, mercato Santa Chiara, parcheggio multipiano, servizi cimiteriali, asili e loro mense (chissà cosa accadrà per l’ex asilo Carlo Della Penna…), sono state concluse perché alcuni benefattori hanno inteso santificare la loro esistenza? Non credo, hanno soltanto esercitato la loro attività d‘impresa.

Particolari e suggestive, poi, le giustificazioni del Sindaco in ordine al miglior servizio offerto ed ai risparmi conseguiti dal Comune grazie alle privatizzazioni delle gestioni. Era forse incapace, la sua amministrazione, di ben gestire quei beni pubblici? E come si fa a dire di aver conseguito dei “risparmi”, grazie a tutte questi affidamenti a privati, dichiarando soltanto i precedenti “costi” per la gestione comunale delle strutture (che pur continuano ad esserci, anche se in misura ridotta) e non anche i precedenti ricavi, a beneficio delle casse comunali? Comodo togliersi i problemi, passando la mano ai privati, e così essere soltanto pigri burocrati invece che solerti amministratori pubblici!

La piscina comunale. Ma lo sa il Sindaco che il gestore di tali impianti non ha mai pagato il canone dovuto al Comune?

Il parcheggio multipiano. Ma lo sa il Sindaco che, al suo gestore, basta affittare spazi per una antenna di telefonia mobile e per qualche pubblicità al fine di pagare quanto dovuto al Comune (1.000 Euro al mese) per il canone relativo all’intera struttura affidata per 30/45 anni?

Mercato Santa Chiara. Ma si è speso il Sindaco, dopo averne fatto ristrutturare i locali con soldi pubblici, almeno a provare ad organizzare e sostenere veramente la gestione diretta degli agricoltori e piccoli commercianti che, da anni, utilizzano quegli spazi per l’offerta di prodotti locali a km 0, invece che affidarne la gestione (tramite bando, per carità) e sostenerne finanziariamente il peso (questa volta sì) alla CIA e Confesercenti?

Impianto Sportivo Salesiani. Ma ha verificato il Sindaco i costi a carico della comunità vastese per aver rilevato, ad un milione e mezzo di Euro, una struttura sportiva che verrà affidata, a gestione privata, per un corrispettivo di 500 Euro al mese e per 15 anni?

A noi non serve agitare lo spauracchio di querele che altro non potrebbero agitare che un sospetto di reato per… lesa maestà, ci basterebbe un controllo della Corte dei Conti.

Ora il problema, per Vasto, è riuscire a costruire una vera alternativa amministrativa che riesca ad unire, su programmi e prospettive, tutte le forze politiche e i movimenti civici che si oppongono alla mala gestione comunale degli ultimi anni e che vogliano, con capacità, generosità e realismo, senza stucchevoli ed inutili personalismi di cui la città è stanca, far tornare vasto… Vasto.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.