Banner Top
Banner Top

Consiglio comunale: salta ancora la nomina del vice-presidente

Erano passate da poco le 14.40 quando il sindaco Luciano Lapenna ha annunciato all’Assise il ritiro dei punti 1 – 2 e 4 all’Odg del Consiglio comunale odierno, ovvero, in primis, la elezione Vice Presidente Consiglio comunale, quindi l’integrazione commissioni consiliari, infine la convenzione per la gestione in forma associata della procedura ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale ai sensi dell’art. 46 bis c. 2 del D.L. 1° ottobre 2007, n. 159 convertito con modificazioni in Legge 29 novembre 2007 n. 222 e del D.MSE 12 novembre 2011, n. 226.

Ed è ancora una volta il ritiro del punto sulla nomina del vice-presidente, cosa peraltro già maturata nell’ultima seduta dell’Assise civica del 27 luglio scorso, che rischia di lasciare strascichi pesanti nella coalizione, tant’è che ancora una volta il capogruppo di Fratelli d’Italia ha invocato la mozione d’ordine prima e la richiesta di votare una mozione di censura ai danni dell’operato dell’Amministrazione poi.

Un voto che ha visto le opposizioni votare a favore, la maggioranza contro con l’esclusione di Elio Baccalà e del blocco che sostiene la sua candidatura (PRC-Sel) che si sono astenuti.

Che le cose potessero andare così, però, lo si era già intuito dal momento che proprio Baccalà si è astenuto da tutte le votazioni di giornata imperniate sulla Variante al Piano Demaniale Marittimo Comunale, mentre il suo antagonista sostenuto dal PSI e parte del PD, Corrado Sabatini, non ha presenziato in Aula.

In segno di protesta ha lasciato l’Aula anche Davide D’Alessandro che a margine, insieme ai colleghi Massimo Desiati, Etelwardo Sigismondi e Antonio Monteodorisio, in una nota ha così commentato: “con l’Amministrazione Lapenna la realtà supera sempre la fantasia. Era difficile, addirittura impossibile immaginare che il Sindaco potesse chiedere, per il secondo Consiglio consecutivo, il ritiro del punto all’Odg sull’elezione del vicepresidente vicario. Eppure è accaduto. Una vergogna senza precedenti per una maggioranza sfasciata, giunta da tempo al capolinea…Per Lapenna e compagni un record nazionale. Non c’è alcun Consiglio Comunale in Italia che non riesca ad eleggere un vicepresidente vicario per ben due sedute consecutive. Ai cittadini Vastesi, sconsolati, non resta che prendere atto di tanta inconcludenza e incapacità”.

Insomma, quel che appare evidente è come per l’ennesima volta vi sia una divisione all’interno della coalizione di centrosinistra e la speranza è che non si giunga a parlare di una nuova crisi.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.