Banner Top
Banner Top

Febbo attacca Paolucci: l’attivazione dell’ospedale di comunità di Casoli si deve al governo Chiodi

L’assessore regionale alla Programmazione sanitaria Silvio Paolucci non ha fatto neanche in tempo ad annunciare che nel Presidio territoriale di assistenza di Casoli nascerà l’ospedale di comunità che ecco arrivare l’affondo di Mauro Febbo, presidente della commissione Vigilanza all’Emiciclo, che così gli replica: “Non ha pari la memoria corta (per usare un eufemismo) del Partito Democratico ed in modo particolare dell’assessore alla Sanità Silvio Paolucci che cerca ostinatamente di far credere agli abruzzesi che il Piano sanitario regionale è frutto del loro lavoro, omettendo clamorosamente di dire che molti dei provvedimenti adottati sono della precedente gestione commissariale del Governo Chiodi come l’attivazione dell’ospedale di comunità di Casoli e della medicina sul territorio”.

“Mi preme rammentare – sottolinea Febbo – che l’ospedale di Comunità è una realtà esistente e funzionale già dal 2011 presso la struttura di Gissi ed era intenzione sempre della precedente attività regionale diffonderlo sull’intero territorio regionale ed anche a Casoli dove abbiamo trovato l’ostruzionismo di parte (ed elettorale) del Sindaco, nonché la contrarietà del Pd casolano, provinciale e regionale.

Infatti nel presidio territoriale di assistenza di Gissi, sono stati attivati posti letto riservati ai pazienti accolti presso l’ospedale di comunità, la cui responsabilità clinica è affidata ai medici di medicina generale. Questi ultimi, oltre ad avanzare la proposta di ricovero per un proprio assistito, ne seguono il piano terapeutico, gestito in collaborazione con i medici della continuità assistenziale presenti nella struttura nelle 24 ore, e quindi pronti a intervenire in caso di emergenza, cioè quello che trionfalisticamente è stato annunciato a Casoli, con la sola differenza che si sono persi inutilmente quattro anni”.

“L’assessore Paolucci – continua l’esponente forzista – deve ammettere che i provvedimenti sin qui adottati sono in linea con il percorso virtuoso iniziato dal Governo Chiodi che in tempi brevi porterà l’Abruzzo fuori dal Commissariamento ed in particolare, come più volte sottolineato, ha riconosciuto il miglioramento sui livelli essenziali di assistenza che permetterà alla nostra Regione, nei prossimi mesi, di ottenere l’adempienza piena come le migliori regioni del nord.

Infine vorrei ricordare all’assessore Paolucci – conclude Febbo – che oggi non è più il segretario regionale del Pd ma rappresenta l’Abruzzo e non gli fa onore presentare il Piano sanitario regionale ai responsabili dei circoli del Partito Democratico come se loro fossero gli unici detentori del territorio e responsabili della sanità abruzzese”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.