Banner Top
Banner Top

Vasto: la spiaggia più bella d’Abruzzo è Punta Aderci

VASTO. Situata all’interno dell’ omonima riserva naturale, Punta Aderci è, per il secondo anno consecutivo, la spiaggià più amata d’Abruzzo e tra le tredici più apprezzate d’Italia, precisamente al quinto posto. È quanto emerge dai risultati del concorso “La più bella sei tu”, il contest di Legambiente lanciato sul web per eleggere il lido più bello dell’estate. La classifica “La più bella sei tu” è stata stilata incrociando le preferenze degli utenti – che hanno potuto votare la spiaggia più bella per oltre due mesi sull’apposito sito dell’iniziativa e sulla pagina Facebook dedicata – con il parere di una giuria di esperti. La cerimonia di premiazione delle tre spiagge vincitrici si terrà a Rispescia nel corso della ventisettesima edizione di Festambiente, in programma dal 7 al 16 agosto 2015. Ancora una volta la cerimonia sarà occasione per dimostrare che è possibile difendere i nostri delicati ecosistemi costieri anche nel pieno di un’aria di festa, celebrandone l’integrità e la bellezza.

“Anche quest’anno – dichiara Angelo Gentili, responsabile nazionale Legambiente Turismo – abbiamo avuto una importante e significativa adesione al nostro concorso “La più bella sei tu”, segno che gli italiani hanno voglia di far conoscere i loro luoghi preferiti e del cuore. Tante spiagge incantevoli ed uniche che rappresentano alcune delle mete più significative e apprezzate di questa stagione e che al tempo stesso costituiscono una parte importante della bellezza della nostra Penisola. Alcuni lidi segnalati dal contest sono più selvaggi, altri sono più accessibili e popolari, ma tutti sono accomunati da paesaggi mozzafiato e una bellezza unica che meritano di essere valorizzati attraverso un turismo ecosostenibile. Siamo convinti che la bellezza debba andare di pare passo con la fruizione e la conservazione di questi luoghi, per questo chiediamo agli amministratori e ai cittadini di impegnarsi e di collaborare insieme per mantenere il giusto equilibro e l’armonia tra fruizione e conservazione di questi lidi italiani”.

Tra le 13 spiagge del cuore scelte dal popolo web, la spiaggia di Bue Marino nella costa occidentale della Sicilia, a 4 km dal comune trapanese di San Vito Lo Capo conquista il gradino più alto togliendo il primato al comune di Camerota (Sa), che da due anni guidava la classifica. Secondo e terzo posto sono andati, invece, alla Spiaggia del Nastro a Maratea (Pz) e a Baia dell’Orte a Otranto (Le). Accanto alle prime tre classificate, Legambiente ha assegnato delle menzioni speciali alle altre spiagge più votate dagli italiani. Nella lista dei lidi preferiti dal popolo web non poteva mancare la Sardegna con la spiaggia di Cala Luna, che deve il suo nome alla sabbia bianchissima in contrasto con l’azzurro del mare, stagliato tra rocce e falesie. C’è poi la spiaggia campana del Buon Dormire a Palinuro (Sa), che si raggiunge soltanto via mare e si caratterizza per sabbia quasi “dorata” bagnata da un’acqua che va dal blu al verde smeraldo. Altro lido mozzafiato è quello di Chiaia di Luna a Ponza, la spiaggia più grande e spettacolare dell’arcipelago pontino. Nel cuore degli italiani ci sono poi anche le spiagge toscane di Cala delle Caldane all’Isola del Giglio e Cala di Forno a Magliano. In Sicilia, tra i lidi più belli di questa estate 2015 c’è anche quello di Torre di Salsa a Siculiana (Ag) dove tra l’altro si può visitare anche la Riserva Naturale di Torre Salsa, ostica da raggiungere ma totalmente incontaminata e sito di nidificazione della tartaruga marina comune. In Calabria, gli italiani amano in modo particolare la spiaggia di Marinella a Capo Rizzuto, già premiata negli anni scorsi da Legambiente tra le migliori località calabre. Infine, c’è anche la Baia del Silenzio, a sud di Sestri Levante in Liguria. Una baia incorniciata da case in tinta pastello e animata dalle barche dei pescatori. E per chiudere in bellezza, non poteva mancare all’appello la spiaggia marchigiana delle Due Sorelle, ancora selvaggia e incontaminata, simbolo della Riviera del Conero e così denominata per i due scogli gemelli che emergono dal mare.

Eleonora Uselli

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.