Banner Top
Banner Top

Scalo del Frecciabianca, pronti a pagare la sosta

Vogliono che il Frecciabianca fermi anche alla stazione di Vasto-San Salvo e per ottenere il risultato tentano di raggiungere un accordo con Trenitalia, alla stregua di quanto già fatto a Giulianova, dove 50 imprenditori della costa teramana hanno siglato un’intesa che prevede una loro compartecipazione economica. Si stanno muovendo gli operatori turistici locali: una trentina di loro ha già aderito all’iniziativa promossa dall’ingegner Luciano De Nardellis, presidente della Dmc, l’agenzia fondata a Vasto agli inizi del 2013 per promuovere il turismo.

È stato proprio De Nardellis a chiamarli a raccolta nei giorni scorsi, per una riunione che si è svolta all’interno del parco acquatico Aqualand dell’Incoronata e che ha visto la partecipazione di Camillo D’Alessandro, sottosegretario alla Giunta Regionale con delega ai trasporti. Oltre ad albergatori, ristoratori ed imprenditori turistici, c’erano anche alcuni esponenti del Pd, amministratori locali, tra cui il vice sindaco Vice Sindaco Vincenzo Sputore, il presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Forte, il suo omologo di San Salvo, Eugenio Spadano, il direttore della Confesercenti Simone Lembo e i rappresentanti del Consorzio Golfo D’Oro. Insomma, finalmente gli operatori hanno capito che devono fare la loro parte per evitare che il Frecciabianca fermi solo a Pescara e a Giulianova, snobbando completamente lo scalo ferroviario vastese, con tutto quel che ne consegue a livello di immagine e di ripercussioni sull’economia turistica. Ovviamente un ruolo importante deve essere giocato dalla Regione che agli operatori locali ha promesso il proprio intervento. Resta da vedere ora se si riuscirà a trovare un accordo per questa stagione estiva (siamo ormai alla fine di luglio) o se slitterà tutto al prossimo anno.

Il ripristino della fermata del treno a lunga percorrenza era stato annunciato come imminente a giungo dal segretario del Pd, Antonio Del Casale, il quale, evidentemente, aveva avuto precise garanzie della Regione. Dichiarazioni che fecero rientrare la protesta e tirare un sospiro di sollievo agli operatori, ma che di fronte all’ennesima aspettativa delusa, hanno innescato una nuova polemica. Resta da vedere ora se l’iniziativa degli operatori, in tandem con la Regione, sortirà l’effetto sperato.

Anna Bontempo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.