Banner Top
Banner Top

Dassori: “Il Vastese sfrutti il giubileo di Roma”

Le grandi aziende riprendono lentamente la via della ripresa, ma l’indotto è ancora in affanno. Ha bisogno di nuova linfa. «Non possiamo aspettare che la manna cada dal cielo. Occorre uscire dal territorio, partecipare alle iniziative che contano e mostrare i gioielli di cui siamo ricchi: natura, cultura e capacità professionali». La ricetta anticrisi del presidente Assovasto, Marcello Dassori, prevede la partecipazione a Expò Milano, ma anche trasferte a Bruxelles e Barcellona e la riscoperta dei luoghi di fede.

«Dal prossimo dicembre e fino a novembre 2016 Papa Francesco ha annunciato il giubileo a Roma. Da Roma migliaia di persone si sposteranno verso santuari e luoghi di fede. Vasto ha un giubileo annuale che viene celebrato nella chiesa di San Pietro in Sant’Antonio a gennaio. Perché non approfittare del giubileo per portare turisti a Vasto? Senza contare la bellezza del Santuario dei Miracoli di Casalbordino e la Madonna delle Grazie a Monteodorisio. Il Vastese è ricco di santuari e luoghi di fede. È importante poter essere una tappa del giubileo», afferma Dassori.

Inziative legate al culto ma non solo. Per Dassori occorre riscoprire i propri gioielli e promuoverli per attirare turisti e rimettere in moto l’economia. «In Italia e nel Vastese viviamo una fase congiunturale particolarmente sfavorevole e ogni contributo dato alla ripresa economica diventa di estrema importanza. Pur consapevole delle difficoltà e dell’impegno che il progetto comporta», afferma Dassori, «sono convinto che l’impegno a promuovere relazioni permanenti con l’Europa e i Paesi dell’Est possano produrre risultati e arricchimento reciproco».

Il presidente degli imprenditori vastesi ricorda come le grandi aziende abbiano già i loro canali commerciali mentre le piccole e medie imprese hanno bisogno di sostegno. «Le aziende dispongono del know-how, tecnologie avanzate e personale qualificato che le rendono partner affidabili e competitivi. Peculiarità che vanno sfruttate. Questo è il periodo della semina. Io intendo seminare. Andrò a Bruxelles per essere parte dell’Europa. Andrò a Barcellona per restare al passo con i tempi».

Il costo del lavoro, unito al costo dell’energia e all’assenza di banda larga sono grossi handicap per il Vastese, come pure la viabilità. «La banda larga è necessaria come il pane. Le distanze logistiche si abbattono grazie all’informatica, ma ci deve essere da parte di tutti la volontà di esserci e tornare a contare», conclude il presidente di Assovasto.

(p.c. il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.