Banner Top
Banner Top

Povera Vasto, povera la nostra Vasto!

Riceviamo e pubblichiamo. Povera Vasto, povera la nostra Vasto abbandonata da tutti e con una classe politica inetta e chiacchierona. Vengo in vacanza in questa città da anni, e ogni anno trovo i soliti problemi che non vengono mai risolti perché affrontati a chiacchiere. Per citarne uno, vorrei ricordare il problema dell’acqua che manca. A Vasto manca da sempre. Qualche anno fa era stato detto che tutto sarebbe stato risolto con l’entrata in funzione della diga di Chiauci. Ma, come ben si vede, nonostante la diga di Chiauci, l’acqua a Vasto manca ancora. Come si fa a fare turismo in una città dove non ci si riesce neppure a lavare per mancanza di acqua!

E poi la vergogna di questi giorni del treno “Freccia Bianca”! Alcuni esponenti politici della città avevano assicurato che la fermata del “Freccia Bianca” nella stazione ferroviaria di Vasto San Salvo sarebbe stata ripristinata al più presto. Ma i dirigenti delle Ferrovie dello Stato concedono la fermata a Giulianova e non a Vasto. Cosa significa ciò? Che i politici di Vasto contano come il due di briscola. Praticamente nulla. Unico aspetto positivo è la sistemazione del centro storico. Veramente sistemato e curato bene, con fiori ovunque. Ma, per quanto mi dicono, il merito va attribuito a un assessore di fresca nomina che si chiama Luigi Marcello. Io non conosco questo assessore ma, a nome personale e di tanti miei amici e di molti altri turisti che in questi giorni di fine luglio sono a Vasto, intendo dirgli grazie per l’impegno profuso.

Lettera firmata

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.