Banner Top
Banner Top

Lanciano, fa una visita medica, pochi giorni dopo muore

Aveva accusato un dolore alla spalla e aveva prenotato una visita medica all’ospedale “Renzetti” di Lanciano. Era accaduto il 29 giugno, all’ospedale lo avevano rimandato con una terapia antidolorifica  da seguire. Cinque giorni dopo, il 4 luglio,  è morto all’improvviso. E’ successo a un 59enne originario di Colledimacine, Giuseppe Di Stefano, assistente giudiziario in servizio nel tribunale frentano e per anni al lavoro nell’ufficio del giudice di pace di Casoli. La famiglia di Di Stefano  ha chiesto di far luce sulla vicenda, per cui è stata aperta un’inchiesta per omicidio colposo contro ignoti.  Caso di malasanità o tragica fatalità? Per ora non ci sono elementi per avallare la prima ipotesi, sono stati ascoltati i familiari dello scomparso,  che hanno aiutato a ricostruire la vicenda, spiegando che Di Stefano aveva accusato dei persistenti dolori alla spalla. Dal momento che il fastidio non accennava a diminuire, l’uomo ha deciso di fare una visita al Renzetti di Lanciano dal quale è stato rimandato con una terapia antidolorifica. Sembra che la cura prescritta non abbia avuto effetto, perché Di Stefano continuava ad avere dolore e lamentava anche fitte allo stomaco. L’uomo è morto all’alba del 4 luglio, sembra per un infarto. Probabilmente il magistrato Anna Benigni che si occupa del caso, disporrà l’autopsia. Per ora, l’unico dato certo in questa storia è la mancanza di rassegnazione dei familiari alla morte del loro caro, che probabilmente poteva essere evitata.

  Nausica Strever  

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.