Banner Top
Banner Top

Incendi nella Riserva, l’assessore Marra a Di Michele Marisi: “esca dalla sede del suo partito e si faccia una passeggiata”

“Peggio delle fiamme possono solo le parole e la miscela usata da Marco di Michele Marisi è intrisa di sciocchezze e non conoscenza del territorio. I luoghi della Riserva restano per Di Michele Marisi talmente esotici per non dire estranei, come lo sono stati in passato quando la sua parte politica amministrava la città che mi verrebbe voglia di consigliargli una villeggiatura di qualche giorno, almeno per rendersi conto di cosa stiamo parlando.

La sua analisi sulla gestione è ideologia pura. Alla sua sciocchezza che “l’Amministrazione comunale e la Cogecstre non sono state in grado di valorizzare e di vendere un prodotto eccellente del territorio” si risponde con i fatti: fino a dieci anni fa la Riserva era dei pochi che la conoscevano, la spiagge di Punta Penna, Mottagrossa e Libertini erano usufruite da una piccolissima cerchia di persone”: questa la replica stizzita dell’assessore alle Aree protette Marco Marra alle accuse lanciate ieri da responsabile di Giovani in Movimento, uno dei sodalizi di centrodestra Di Michele Marisi, al quale Marra ricorda che “fu il Governo Regionale di centro sinistra, nel 1997 a istituire con L.R. la ‘Riserva Regionale Naturale di Punta Aderci’. E’ sempre grazie al lavoro di chi ama e conosce quei luoghi se il Piano di Gestione della Riserva fu il primo ad essere approvato tra le Riserve della nostra Regione.

Poco più di un mese fa la Giunta Comunale ha deliberato la presa d’atto del Piano di gestione del SIC “Punta Aderci – Punta della Penna”, un documento scientifico di alto livello che questa amministrazione ha voluto portare avanti con celerità rispetto ai tanti sic della Regione Abruzzo. E’ sempre grazie al nostro impegno se oggi le spiagge di Punta Penna, Libertini e Mottagrossa possono godere della Bandiera Blu.

Il lavoro di promozione e valorizzazione fatto in questi anni giustificano le migliaia di presenze che si registrano sempre in crescendo e che ha portato la spiaggia di Punta Penna ad essere annoverata come la terza spiaggia più bella d’Italia”.

L’assessore comunale all’Aree protette del Comune di Vasto fa anche un invito in tono ironico al “buon Di Michele Marisi” affinché “esca ogni tanto dalla sede del suo partito e si faccia una passeggiata per rendersi conto delle infrastrutture realizzate per permettere ai visitatori di usufruire dei luoghi della riserva, la cartellonistica che viene annualmente risistemata, parli con quegli esercenti (campeggi, agriturismi e B&B) dentro e fuori dalla Riserva che hanno potuto investire nel turismo grazie a questi luoghi. Se resta allergico alla Riserva, si legga almeno il calendario delle iniziative estive che da anni arricchisce l’offerta turistica della città e le decine di articoli apparsi in questi anni su Riviste e Quotidiani nazionali come Vanity fair, Tv sorrisi e canzoni, l’Espresso, Repubblica, Il Corriere della Sera, Camper life, Itinerari e luoghi, oltre che su decine di blog di viaggio, 2 stupendi libri e 2 video naturalistici a cura del Comune di Vasto, per non parlare dello scenario artistico messo in campo ogni anno con Art in The Dunes”.

Intanto, ieri mattina, lo stesso Marra si è recato, in qualità di Assessore alla Aree Protette, al locale Comando dei Carabinieri “per esporre formale querela contro gli atti incendiari del 2 e 11 luglio che hanno interessano la nostra Riserva”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.