Banner Top
Banner Top

Vasteggiando risponde al consigliere comunale D’Alessandro

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio direttore, con stupore apprendiamo che i siti internet ilnuovoonline.it, vastonotizie.it e vastoweb.com dedicano spazio ad una polemica nei confronti della Studioware, ignorando le basilari norme che regolano la deontologia professionale del mondo dell’informazione. Cos’è Vasteggiando – Vasteggiando è un’iniziativa della quale andiamo fieri. Un’iniziativa che, in quasi 3 anni di lavoro, ha fatto conoscere Vasto, San Salvo e l’Entroterra a più di 250mila persone da 138 nazioni del mondo, pubblicato più di 3000 testi, foto e video promozionali, promosso quasi 1300 eventi, visitato e collegato ben 8 paesi dell’Entroterra ai comuni della costa (Vasto e San Salvo) ed infine, solo qualche settimana fa, l’editore è stato invitato a raccontare l’innovazione del “modello Vasteggiando” all’Expo, assieme ad altre imprese e start up abruzzesi e alle università di Teramo e Pescara-Chieti. Vasteggiando che non è solo Studioware dato che aggrega, ad oggi, tre amministrazioni e una dozzina di piccole e grandi imprese. Una splendida avventura nata nel 2012 con l’idea di essere un “progetto politico”, certamente, ma nel senso autentico del termine, ovvero con lo scopo di occuparsi – con risultato, senza secondi fini e senza appartenenza politico-partitica delle nostre città, favorendo il valore turistico del territorio abbracciato. I principi di Zonalocale – Zonalocale, inoltre, è una business unit (unità operativa aziendale) autonoma rispetto a quella di Vasteggiando. Le due aree di business, contenute dall’editore Studioware, agiscono in piena autonomia, come dimostra il lavoro svolto quotidianamente con riscontri di pubblico che ci fanno affrontare con rinnovato entusiasmo ogni giorno di lavoro. Diceva Indro Montanelli: “La deontologia professionale del giornalista sta racchiusa in gran parte, se non per intero, in questa semplice e difficile parola: onestà. E’ una parola che evita le distorsioni maliziose, quando non addirittura cattive, le furbe strumentalizzazioni, gli asservimenti e le discipline di fazione o di clan di partito. Gli onesti sono refrattari alle opinioni di schieramento, alle pressioni autorevoli, alle mobilitazioni ideologiche”. Questo è, da sempre, il senso del nostro agire quotidiano.

Il Direttore Michele D’Annunzio
L’editore Renato De Ficis

La replica di Davide D’Alessandro

La toppa è sempre peggiore del buco. Io ho scritto, credo persino con buon senso, che Studioware, se edita zonalocale.it, non deve accettare soldi dal Comune, perché si alimenterebbe il sospetto, a fronte di un atteggiamento eventualmente un po’ morbido nei confronti dell’Amministrazione, di un favoritismo. Direttore ed Editore hanno risposto citando Montanelli. A me sono cadute le braccia e Montanelli si è rivoltato nella tomba perché, se fosse stato direttore di zonalocale, se ne sarebbe andato immediatamente. Un giornalista non firma insieme all’Editore. Il giornalista è un’altra cosa.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.