Banner Top
Banner Top

Melilla (Sel) presenta l’interrogazione scritta sulla Sider di Vasto

L’onorevole Gianni Melilla (SEL) ha inviato un’interrogazione a risposta scritta sulla Sider di Vasto ai Ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico:

“Lo stabilimento di Punta Penna è stato aperto nel 1975 e produce tubi metallici. I 50 dipendenti sono tutti specializzati e Il personale è altamente qualificato.
La Sider a Febbraio ha ottenuto dal Tribunale di Vasto il concordato preventivo. Un passaggio importatissimo per la riconversione dello stabilimento. Il 7 aprile la crisi sembrava essere solo un brutto ricordo. Il 5 giugno sono cominciati i problemi. Lo scorso fine settimana il gruppo Rapullino ha formulato una proposta migliorativa a patto però che dalla fabbrica non escano macchinari.
I 54 operai della Sider Vasto, a distanza di 40 giorni dalla fine della cassa integrazione guadagni straordinaria (la cig finisce il 12 agosto) temono che il futuro dell’azienda sia a forte rischio.
I Sindacati paventano il rischio di uno possibile smantellamenti dell’azienda e temono che la fabbrica possa essere ceduta a pezzetti. Questo a loro avviso sarebbe il preludio al fallimento.
Per questo i sindacati e i lavoratori hanno annunciato di essere pronti a bloccare ad oltranza l’uscita dallo stabilimento per impedire che venga portato via lo slitter, il macchinario di precisione che taglia le lamiere. Lo slitter è il punto di forza della Sider, un macchinario indispensabile per l’azienda siderurgica.
I sindacati accusano la proprietà di volerlo vendere a due milioni di euro, anziché concludere la trattativa con il gruppo Rapullino, che ha presentato un progetto d’acquisto di tutta la fabbrica e la riassunzione di tutti i lavoratori.
Se non intendano intervenire per evitare lo smembramento dell’azienda e il rischio che possa saltare la trattativa con il nuovo gruppo imprenditoriale mettendo a rischio il futuro occupazionale dei 54 operai specializzati”.
Per Melilla la situazione è drammatica: “Vasto rischia di perdere un altro pezzo importante del settore industriale: se entro il 7 luglio non dovessero spuntare soluzioni, 54 lavoratori si ritroveranno senza lavoro”. L’onorevole chiede dunque ai ministri “se non intendano intervenire immediatamente per accelerare le procedure di finanziamento della Cig straordinaria e convocare le parti sociali per trovare una soluzione e scongiurare la gravissima crisi occupazionale”.
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.