Banner Top
Banner Top

Palazzo Palmieri, un gioiello in decadenza, come il castello Caldoresco

Risale al 2012 l’ultimo episodio che aveva dimostrato la pericolosità della struttura di Palazzo Palmieri: verso il lato di piazza Pudente, alcuni calcinacci si erano staccati dalla parte superiore di una finestra del secondo piano del Palazzo, mettendo a rischio la vita di un cliente del negozio di abbigliamento sottostante. Oggi la situazione si presenta disagiata soprattutto sul lato di piazza Rossetti, dove il secondo piano del bel palazzo è in decadenza totale. Le finestra appaiono in uno stato di fatiscenza, tant’è che sono abitate dai piccioni, ciuffi di erbacce pendono dalle mura del palazzo, deturpandone la facciata principale. La situazione non è migliore sul lato che ridà collegato al castello Caldoresco; guardando in alto verso il tetto s’intravedono erbe che spuntano dalla parte più esposta agli occhi dell’osservatore. In uno stato ancora peggiore versa il castello Caldoresco: folti cespugli di erba rampicante sono visibili su tutta la struttura, in particolare su quella che ridà sul lato unito a Palazzo Palmieri, la parte dello spigolo affilata come la prua di una nave. Girando per piazza Barbacani, vi sono altri edifici che appaiono decadenti, segno di un centro storico che è sempre più abbandonato a se stesso.

Nausica Strever

  • palazzo palmieri
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.